0
Servizio Clienti (+39) 075 5069369
Email info@frateindovino.eu
0

L'attualità e gli approfondimenti dal mensile

Frate Indovino

Primo Piano

Opera San Francesco aperta per emergenza

20 marzo 2020
Condividi
Mense, Docce e Poliambulatorio rimangono aperti per garantire ai poveri un punto di riferimento anche durante l’emergenza sanitaria in atto.

Opera San Francesco non si ferma. La struttura fondata nel 1959 dai Frati Cappuccini a Milano e che da sessant’anni offre ai poveri assistenza gratuita e accoglienza, mette in campo tutte le precauzioni medico-sanitarie possibili e continua a tendere la mano ai poveri della città di Milano, colpita, come il resto della Lombardia, in modo duro dal coronavirus.

Noi siamo rimasti aperti con il Poliambulatorio, il servizio Docce e le Mense. Non potendo far mangiare “da cristiani” ai nostri ospiti, siamo costretti a cucinare cibo da asporto che diamo loro dentro una vaschetta di plastica trasparente per il cibo caldo e il resto in un sacchetto di plastica. Non è bello, non è proprio bello per noi e per gli ospiti. Ma devo ammettere che loro ci aiutano perché tutto sommato la prendono nel modo giusto, qualche volta anche con un pizzico di sana ironia”.  Queste le parole di Fra Marcello Longhi, Presidente di OSF, che si trova a fronteggiare una situazione difficile, mai vissuta prima.

Opera può garantire ancora questi servizi grazie ai suoi volontari, più di 1000 durante tutto l’anno ma ora molti meno per via della situazione sanitaria: “Sto assistendo però a un miracolo di disponibilità da parte di cittadini che si offrono di venirci ad aiutare. Come successo anche per la nostra mensa di Bergamo, anche qui a Milano i City Angels sono venuti in nostro soccorso e così riusciamo a pianificare i turni di presenza senza troppa ansia.

Nonostante tutto, continuano a essere moltissimi i pasti che OSF distribuisce in questi giorni: alla Mensa storica di corso Concordia vengono, tra pranzo e cena, circa 1800 persone a ritirare il sacchetto con il cibo preparato per loro dai cuochi e dai volontari. In piazzale Velasquez invece sono circa 200 i pranzi al sacco consegnati.

Le Docce, seppur a regime ridotto per rispettare le norme e non creare assembramenti, sono aperte e garantiscono grazie al lavoro prezioso dei volontari un diritto imprescindibile e fondamentale specie per chi vive per strada, quello dell’igiene. In media sono state 108 le docce garantite ogni giorno anche durante l’emergenza.

Al Poliambulatorio, luogo importantissimo per chi non ha diritto all’Assistenza Sanitaria Nazionale, le visite dei medici volontari di Opera San Francesco non sono mai state interrotte e dal 9 al 13 marzo le prestazioni sono state 409. Tutte seguendo le procedure di sicurezza adottate dai medici volontari, dagli infermieri e dagli oss che lavorano con professionalità in questo servizio. Chiunque entri nel centro viene infatti sottoposto preventivamente alla misurazione della temperatura per la sicurezza di tutti ma anche qui, come in tutti gli ospedali del paese, il vero problema è quello del reperimento dei presidi per la protezione: camici sterili, mascherine adatte e guanti.

Lo sportello dell’Accoglienza infine rimane aperto per permettere a chiunque di fare la tessera e quindi di accedere ai servizi di OSF.

Per tutti, OSF, lavora quotidianamente a difesa dei bisogni primari senza dimenticare la sicurezza dei suoi ospiti, dei volontari e degli operatori.

Calendario

Richiedi subito la tua copia del Calendario

Inviaci un messaggio

Ti contatteremo al più presto

o vai alla pagina contatti
Sono presenti degli errori. Assicurati che i campi siano completi e corretti e reinvia il modulo.
Grazie ! La tua richiesta è stata inoltrata con successo. Ti contatteremo al più presto.