Servizio Clienti (+39) 075 5069369
Email info@frateindovino.eu

Almanacco

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic
Cover Archivio

CALENDARIO 2022

A BETLEMME

Il Cammino dell'Umanità

"Io sono la via, la verità e la vita nessuno va al Padre se non per mezzo di me".

«Nel mezzo del cammin di nostra vita/ mi ritrovai in una selva oscura/ ché la diritta via era smarrita». Proprio a partire dai versi di Dante Alighieri entriamo nella metafora del viaggio che per l’uomo di ogni tempo – dall’antichità ai nostri giorni –, ha rappresentato la più suggestiva narrazione simbolica della vita umana nel suo dipanarsi tra le pieghe della storia o nel suo protendersi verso la meta ultraterrena nell’incontro con Dio. Già nella cultura tardo-antica l’uomo è definito viator per indicare il mestiere del messaggero, ma successivamente questa espressione viene usata per descrivere in senso figurato la condizione più generale dell’uomo “viandante”. Anche nell’universo biblico, il tema della via o dell’uomo pellegrino ricorrono di sovente. Nell’Antico Testamento sotto forma di metafora o di accadimento storico riferibile alla plurisecolare vicenda d’Israele. Basti menzionare il passo del Deuteronomio in cui si parla del cammino d’Israele; oppure il libro dell’Esodo che narra l’epopea d’Israele con la peregrinazione dalla schiavitù in Egitto alla terra promessa. Nel Nuovo Testamento il tema della “via” assume significati ancora più suggestivi se consideriamo le parole di Gesù nel Vangelo di Giovanni: «Io sono la via, la verità e la vita nessuno va al Padre se non per mezzo di me». Si tratta di parole inaudite con le quali il Signore dichiara che Lui è l’unico che può dare un senso compiuto alla vita e alla storia dell’uomo. Gesù è la via e la sua umanità è la sola strada che conduce al Padre, cioè a Dio. L’assoluta novità del Vangelo è che di fronte ai tanti cammini esistenzialmente possibili per l’uomo, Gesù non indichi un altro sistema filosofico o di conoscenze, di sapere, ma indica come unico percorso, unica via, verità e vita, la Sua Persona, nella quale è data la totale e definitiva manifestazione di Dio nella storia.

Io sono la via, la verità e la vita nessuno va al Padre se non per mezzo di me
Se il Natale è verde la Pasqua sarà bianca.
CARISSIMI AMICI siamo stati insieme per un altro anno ancora, e spero sia stato veramente proficuo. Approfitto di questo mese, che possiamo chiamare “di riposo”, per fare un’altra chiacchieratina insieme. Conosco e condivido le vostre preoccupazioni e le vostre difficoltà. Non ci rimane che tener duro, nella convinzione che la terra è un po’ come... la speranza: la prima a nascere e l’ultima a morire. In questa rubrica a voi dedicata, ho cercato di inserire molti suggerimenti utili. Ma lo spazio a disposizione è sempre troppo ristretto e non mi illudo di essere stato esauriente. Ho pensato, quindi, di darvi in extremis, qualche altro consiglio. Prima di tutto quello di non abbandonare i precedenti Calendari di Frate Indovino, o almeno di conservare, magari ritagliandole, quelle rubriche mensili dedicate a voi. Anche perché è già da tempo che mi sono riproposto di offrire, anno per anno, un po’ di spazio a colture, varietà, aspetti della vostra (nostra) attività, in modo da arricchire il bagaglio di suggerimenti pratici, e non essere costretto a ripetere sempre più o meno le stesso cose. Un altro consiglio mi sta a cuore. Per avere indicazioni più organiche e complete, potete richiedere le nostre pubblicazioni: L’orticello di casa, Il Giardino in casa, Vigna, Vino e Cantina e… per chi ama il genere, Liquoristi …in erba, che da anni stanno riportando un successo veramente notevole. Torno a ricordarvi quanto scritto nel mese di Gennaio: il nostro Paese ha una geografia (o meglio topografia) molto varia, per cui le indicazioni mensili sui tempi delle semine, dei trattamenti e delle raccolte, variano da zona a zona. In questo mese di Dicembre, oltre alla cura attenta della cantina, non vi sono grandi urgenze. Ed allora godetevi un meritato riposo, che non deve essere mai separato da una attenta “coltivazione” dello Spirito, che non va mai in letargo. Le Feste Natalizie, per le quali vi faccio tanti auguri, ci offrano l’occasione per un’immersione nell’infinita tenerezza di Dio, che rimane sempre la cosa più importante. Detto questo, vi invito a non dimenticare che dall’8 al 23 del mese cadono i giorni buoni per i travasi del vino. Un abbraccio fraterno. Vostro Frate Indovino.
OLTRE LE NUVOLE Negli anni ’30 del secolo scorso, avevamo già un considerevole campionario di galassie osservabili: la maggior parte erano ellittiche, spirali e spirali barrate, più una piccola percentuale di forma irregolare, ma non sapevamo com’era fatta la nostra casa galattica, visto che era difficile stabilirne la forma standoci immersi dentro. Nel 1958 Oort, Kerr e Westerhout riuscirono con dei dati radio ad avere la prova schiacciante della presenza di bracci a spirale. Si credette, forse per analogia con la nostra vicina sorella maggiore, la galassia di Andromeda, di essere in una galassia a spirale. La mappa radio infatti lasciava molto a desiderare in termini di risoluzione verso il centro. Dati più accurati come quelli del satellite Spitzer del 2005 hanno fornito pesanti indizi sulla presenza di una barra centrale di circa 27000 anni luce. La nostra Galassia sarebbe dunque una spirale barrata.
POSIZIONI PLANETARIE Il giorno 6 del mese Mercurio entra in Capricorno ed il 21 raggiunge la massima elongazione orientale (20°). Anche Venere entra in Capricorno, il 10. Il Sole decreta l’inizio dell’inverno entrandovi il giorno 21 alle h. 22.48. Marte è sempre in Gemelli e l’8 è in opposizione al Sole. Giove il giorno 20 passa in Ariete. Saturno incede lentamente in Acquario. Urano retrograda in Toro e Nettuno, restando in Pesci, inverte la sua marcia e dal 4 torna di moto diretto.
SANDRA SABATTINI (Riccione, 1961-Bologna, 1984), è stata riconosciuta serva di Dio e venerabile dalla Chiesa cattolica. La sua vita fin dall’infanzia è stata sempre caratterizzata da una profonda vocazione alla preghiera e all’aiuto dei poveri per i quali svolse numerose attività di volontariato. Fin dall’età di dodici anni frequentò la Comunità Papa Giovanni XXIII partecipando agli incontri per adolescenti. Dopo gli studi superiori, si iscrisse alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Bologna dedicandosi, nel tempo libero, al volontariato presso le comunità terapeutiche per il recupero di tossicodipendenti. Morì il 2 maggio 1984 in seguito a un incidente stradale.
Gli omega 3 e 6 sono degli acidi grassi essenziali utili alla salute che però il nostro organismo non riesce a sintetizzare in modo autonomo. Occorre quindi assumerli attraverso gli alimenti che ne sono ricchi. Un buon apporto ci arriva dagli oli sia di origine animale (pesce) che vegetale. In genere, vanno preferiti gli oli al posto del burro o dello strutto; ciò rappresenta una buona abitudine… ma attenzione! Non tutti gli oli vegetali sono uguali. Alcuni risultano addirittura più insalubri dei grassi animali a causa delle tecniche di estrazione.
IL BUON VICINATO Vige sempre la regola del buon vicinato, sia che si parli di confinante di proprietà, sia di condomini. Regola del silenzio: limitarsi nei rumori (o musiche alla radio), considerando sempre che il rispetto della tranquillità del prossimo è una regola valida in tutto il mondo… Regola degli spazi comuni: le auto vi possono sostare solo per caricare e scaricare il portabagagli e non per essere parcheggiate. Non si dimentichi nulla sul pianerottolo, come scarpe o raccolte differenziate. Non lasciare mobili o altri oggetti ingombranti nelle aree comuni.
“La vita di ognuno di noi alterna momenti di gioia e di dolore ed è sempre irta di difficoltà e di ostacoli. La precarietà e l’incertezza avvolgono il nostro futuro. Lungo la strada accidentata della vita, la fede illumina i nostri passi, ci sorregge nelle avversità e ci conduce infallibilmente alla meta, che è la felicità eterna. La fede è un dono che dobbiamo chiedere incessantemente. E quale momento migliore del tempo di Natale, per chiedere questo dono al Bambino Gesù, che illumina il buio del tempo presente con la sua sfolgorante divinità?” (Roberto de Mattei).
Anche una bella pedata nel sedere fa fare un passo avanti.
L’amicizia e l’amore non si chiedono come l’acqua, ma si offrono come il caffè.
Diffida di chi non perde occasione per fare sfoggio della propria erudizione: la vera cultura non ha bisogno di essere ostentata.
Cercasi sosia che mi sostituisca al lavoro.
Non avere fretta di conoscere, di sapere. La fretta è spesso solo curiosità che toglie intensità al tuo futuro.
Si dice che la fortuna è cieca, ma è più cieco chi le dà importanza nella vita.
BISCOTTI AI SEMI DI FINOCCHIETTO INGREDIENTI: 200 g di farina 00; 120 g di burro; 2 cucchiai di semi di finocchietto; sale. ESECUZIONE: impastate la farina con il burro ammorbidito e un pizzico di sale. Stendete l’impasto in modo da ottenere uno strato abbastanza sottile e con l’aiuto di stampini date la forma desiderata. Cospargete i biscotti con semi di finocchietto e metteteli al forno su una teglia con l’apposita carta, cuocendo a calore medio e controllando la doratura.
FENOMENI CELESTI Mercurio è visibile al tramonto per quasi tutto il mese. Venere è ben visibile dopo il tramonto del Sole. Marte a inizio mese è nelle migliori condizioni di visibilità sorgendo al tramonto del Sole e tramontando all’alba. Giove anticipa ulteriormente il suo tramonto, verso Natale tramonta a mezzanotte. Saturno è visibile dopo il crepuscolo per sempre meno tempo.
MACCHIE SOLARI si acuiscono diverse protuberanze sul disco solare, soprattutto nei primi giorni del mese.
TEMPESTE MAGNETICHE alcune importanti, con influssi negativi sul sistema fisio-patologico.
EDITORI DI CALENDARI Con applicazioni di calendari multifunzione per cellulare, programmi informatici di datario nel computer e agende da attivare con il tablet, c’è ancora senso nell’appendere il calendario stampato su fogli su una delle pareti della propria casa?
COME SARÀ Tenere in vista, invece, un almanacco a stampa che anticipi in modo intelligente con suggerimenti, osservazioni, annotazioni e “piccoli segreti” le festività, le movimentazioni celesti e le previsioni meteo, è certamente di aiuto. Se poi i proventi sono finalizzati al conseguimento di Opere di Bene (come per questo Calendario di Frate Indovino), c’è doppia soddisfazione nel consultarlo!
Il lupo fu la vera belva del nostro Medioevo occidentale. Nell’813 una legge di Carlo Magno prevedeva per ogni contea la presenza di due uomini specializzati (luparii) nella caccia ai lupi. Il simbolismo cristiano fa riferimento soprattutto alla relazione lupo-agnello, laddove l’agnello simboleggia i fedeli, mentre il lupo le forze che minacciano la fede. L’asino di san Guglielmo da Vercelli, il fondatore dell’abbazia di Montevergine, fu ucciso da un lupo che venne prodigiosamente trasformato in un mansueto animale da soma. Solo ai santi è concesso il potere di trasformare in devozione il carattere selvaggio del lupo. San Francesco d’Assisi domò il lupo di Gubbio, che occasionalmente compare come attributo del santo.

Calendario

Richiedi subito la tua copia del Calendario

Sono presenti degli errori. Assicurati che i campi siano completi e corretti e reinvia il modulo.
Grazie ! La tua richiesta è stata inoltrata con successo. Ti contatteremo al più presto.