0
Servizio Clienti (+39) 075 5069369
Email info@frateindovino.eu
0

Almanacco

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic
Cover Extra Archivio

CALENDARIO 2019

LA FEDE IERI E OGGI

Conquiste di ieri e conquiste di oggi

"Le teste di legno fan sempre del chiasso".

Credenti e non credenti ci sono stati sempre. Ma oggi sembra che il mondo voglia fare tabula rasa, voglia estirpare dalla faccia della terra qualsiasi ipotresi di Dio. Non mi sembra una scelta moto saggia nei confronti di una realtà, la Fefde, che ha plasmato personaggi quali Pietro, Paolo, Giovanni, Agostino, Francesco, Chiara, Giovanni Bosco, Madre Teresa di Calcutta… “e se fosse tutto vero?”, ammoniva il buon Biagio Pascal. Il pungolo del dubbio stimola sia il credenter, sia il nos credente. Ma al di là di tutto, quello che sorprende è che, in questo mondo secolarizzato, si ricorre in modo sempre più rilevante alle scienze occulte: eliminato Dio, si ricorre alle fattucchiere. Mi sembra un cambio poco intelligente. La verità è che la Fede è una porta bassa: vi entra chi si china.

Le teste di legno fan sempre del chiasso
La falsa amicizia dura quanto il vino della botte.
LAVORI DEL MESE Continuate a seguire le piante in vaso, riposte per l’inverno, con innaffiature regolari (ogni 10-15 giorni). Ripulite a aggiustate le attrezzature e riponetele ben funzionanti per la prossima stagione. Disinfettate fusti e rami delle piante da frutto (peri, meli, peschi, albicocchi, susini) con poltiglia bordolese o calce idrata. In caso di abbondanti nevicate, scuotete la neve che si accumula sulle piante da frutto, sia su quelle ornamentali, per evitare rotture di rami. Controllate gli impianti di copertura. Preparate terreni e terricci per le nuove coltivazioni. Non dimenticate i prodotti messi da parte in magazzino o in dispensa e gustateli con piacere.
VIGNA E CANTINA Non ritardate il primo cambio del vino nuovo. Non trascurate le necessarie colmature. Dopo il primo cambio date aria fresca alla cantina. Giorni adatti per i travasi: dal 12 al 26 del mese. Carissimi amici coltivatori. Siamo a Natale e inizio Anno Nuovo, tempo di regali e di doni graditi. Spesso rimaniamo incerti su cosa scegliere per esprimere il nostro affetto e la nostra simpatia. Ebbene, anche Frate Indovino ha la sua proposta da farvi. Basta che andiate alla pagina 19 di questo Calendario e troverete “i prodotti di Frate Indovino”: libri, ceramiche, tisane, prodotti erboristici… tutte cose utili e di assoluta qualità. Se sceglierete qualcosa del nostro repertorio, non rimarrete delusi e al contempo aiuterete le Opere Sociali e Religiose documentate alla pagina 17 di questo stesso Calendario. Carissimi. Voglio chiudere con un pensiero di Madre Teresa di Calcutta (ora Santa Teresa di Calcutta), che si trasforma in un augurio per tutti noi: “Vorrei che fosse sempre maggiore il numero di persone che offrono le loro mani per prestare servizio e i loro cuori per amare, cercando di scoprire i poveri nelle loro case, nelle loro città e paesi. Dovremmo tutti sentire la letizia e la libertà della povertà e condividere la gioia di amare”. Buon Natale e felice Anno Nuovo. Vostro Frate Indovino.
OLTRE LE NUVOLE Qual è il pianeta più vecchio dell’Universo conosciuto? Secondo la teoria del Big Bang il cosmo avrebbe dato inizio alla sua espansione circa 13,7 miliardi di anni fa. Nel luglio del 2003, grazie alle osservazioni ottenute dal Telescopio Spaziale Hubble, gli astronomi hanno rilevato la presenza di un pianeta la cui età è particolarmente prossima a quella dell’Universo. Si tratta di PSR B1620-26c, un Pianeta extrasolare che vanta almeno 13 miliardi di anni. Per via della sua stimata vecchiaia, è identificato anche con il nome di Matusalemme. Il Pianeta, probabilmente un gigante gassoso, ha una massa 2,5 volte superiore a quella di Giove, il Pianeta più grande del nostro Sistema Solare.
POSIZIONI PLANETARIE Mercurio passa in Sagittario il giorno 9, poi in Capricorno il 30. Venere lo lascia per passare in Acquario il 20. Il Sole viceversa, entrando in Capricorno alle 5:18, dà inizio all’Inverno Astronomico. Marte persiste in Scorpione. Giove il 2 del mese entra in Capricorno ed è in congiunzione col Sole il giorno 27. Invariate le posizioni degli altri Pianeti: Saturno in Capricorno, Urano in Toro, Nettuno in Pesci.
La PATATA fu importata in Europa dal Nuovo Mondo dai conquistadores spagnoli. All’inizio venne considerato un cibo adatto più che altro all’alimentazione degli animali. I contadini si rifiutarono per molto tempo di coltivarlo e solo il problema della fame li spinse a cambiare idea. Nel passaggio fra i secoli diciottesimo e diciannovesimo la patata si rivelò un cibo di “emergenza” particolarmente adatto a sfamare la popolazione in crescita. Probabilmente la cattiva reputazione della patata era dovuta anche al fatto che all’inizio, per un errore dovuto alla scarsa conoscenza della pianta, se ne consumavano le foglie e i fi ori che sono tossici. Le patate raccolte presto e non ancora del tutto formate hanno una polpa più morbida e si chiamano “novelle”. Se non sono state trattate possono anche essere consumate con la buccia perché è sottilissima. Altre curiosità e consigli utili li trovi sul libro di Frate Indovino “In cucina non tutti sanno che… ” ordinalo al numero: 075 5069369 oppure sul sito www.frateindovino.eu.
“GAMING DISORDER” Giocare con i videogiochi è un modo per rilassarsi e verificare le proprie risorse cognitive. Ma è un male quando si abusa. Tant’è che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha inserito la dipendenza da videogiochi nella lista delle malattie dei disturbi mentali, nella categoria “disordini dovuti a un comportamento dipendente”, la stessa di chi scommette in modo patologico. Ecco le frasi più ricorrenti dei giovani che esagerano: «Il tempo per giocare non è mai sufficiente»; «Mi piace così tanto che penso solo ai videogiochi ogni momento della giornata»; «Mi annoio con gli altri… preferisco giocare con i videogiochi»; «Non mi interrompete quando gioco!»; «Se non gioco mi sento agitato»; «Quando sono in collegamento con i miei compagni di videogioco mi scordo anche di studiare»; «Mi capita che i miei genitori o amici mi irritano dopo aver giocato per molto tempo».

Per Tutti

SORRIDIAMO CON I GRANDI DELLA STORIA Il nostro poeta Vittorio Alfieri (1749 – 1803) Aveva punzecchiato un certo Francesco Zacchiroli, un poeta minore e personaggio piuttosto singolare, il quale rispose con questo arguto aforisma: Zacchiroli: “Alfi eri, Alfi eri, che versi scrivi?”. / Alfi eri: “Versi severi, tragici, divi, che il mondo ancora intendere non può”. / Zacchiroli: Ma tu li intendi?”: / Alfi eri: “Oh, signor no!! Un amico, un giorno, rimproverava Vittorio Alfieri di aver tanto disprezzato i tiranni e adesso di aver rifiutato anche la rivoluzione francese. Al che l’Alfi eri rispose: “Prima avevo conosciuto solo i grandi tiranni, ora ho conosciuto anche i piccoli”.
Fede è conoscenza del cuore e oltrepassa il potere della dimostrazione (Kahlil Gibran).
Che cos’è l’uomo più felice senza la fede? Un fi ore in un bicchiere d’acqua senza radici e senza durata (Camillo Benso Conte di Cavour).
È naturale che dubito. Non pratico un certezza, pratico una fede (Robert Brault).
Nell’atto di fede c’è sempre un momento in cui bisogna chiudere gli occhi e buttarsi in acqua con cuore intrepido e senza apparenti garanzie (Paul Claudel).
Ci credi o non ci credi. Dio ti ama uguale. Solo che non te lo godi (Don Dino Pirri).
Tu puoi, fratello mio, non credere in Dio, ma Dio non cesserà mai di credere in te (Padre Pio).
La ragione e la fede sono le due sponde di uno stesso fiume (Domenico C. Estrada).
La fede è la risposta a una parola che ci interpella personalmente, a un tu che ci chiama per nome (Papa Francesco).
Siamo avvitati all’eternità, e la nostra incredulità non potrà farci niente (Abdelmajid Benjelloun).
Dubitare di tutto o credere a tutto sono due soluzioni ugualmente comode che ci dispensano, l’una come l’altra, di riflettere (Emile Poincaré).
Senza la fede, la vita è come il cielo notturno: un trilione di asterischi e nessuna spiegazione (Robert Brault).
Montagne di dubbio non spostano la fede (Elazar Benyo tz).
Il dubbio non è l’opposto della fede, è un elemento della fede (Paul Johannes Tillich).
Segui la tua fede, e l’universo aprirà per te delle porte dove c’erano solo muri (Joseph Campbell).
La fede nell’esistenza di Dio e la negazione dell’esistenza di Dio, hanno un punto in comune: il desiderio di Dio (Michelangelo).
Per chi ha fede nessuna spiegazione è necessaria; per chi non ha fede nessuna spiegazione è possibile (San Tommaso d’Aquino).
Non si può sapere quanto potere ha un’anima pura su Dio. Non è lei che fa la volontà di Dio, ma è Dio che fa la sua (Santo Curato d’Ars).
Un mio amico ordina sempre pasti indigesti, talvolta immangiabili: pensa quanto è ghiotto di bicarbonato.
Noi italiani siamo abituati a parlare male dell’Italia non solo per i suoi difetti, ma anche per i suoi pregi. Insomma: è cattivo perché italiano.
La maestra a Pierino: “Quando avevo la tua età conoscevo la geografi a a menadito!”. Pierino: “Lo credo bene, a quell’epoca le terre non erano ancora emerse!”.
Occupati della politica, tanto la politica comunque si sta occupando di te.
AGRETTI AL PARMIGIANO - Ingredienti: 400 gr di agretti - 100 gr di parmigiano a scaglie – peperoncino - aglio - olio extrav. e sale.
- Procedimento: pulite gli agretti eliminando la radice e le parti dure e lessateli in acqua salata - scolate gli agretti e ripassateli in padella con olio extrav., aglio e peperoncino - sistemateli nel vassoio spandendo sopra le scaglie di parmigiano. [cfr. il nostro libro Curarsi a Tavola - Ricette facili con erbe officinali pag. 50].
AVERE LA TARANTOLA Si dice di chi non riesce a star fermo, di chi è sempre super-agitato e in continuo movimento, o di bambini molto vivaci. Espressione che si ricollega alla tarantola (Lycosa tarantula), un grosso ragno dal morso irritante, presente anche nel centro-sud dell’Italia. Secondo alcune tradizioni popolari il morso della tarantola scatena i più strani malori, e per superarli, colui che è stato morsicato, deve abbandonarsi ad una danza sfrenata (il cosiddetto ballo di San Vito) e così smaltire le tossine inoculate. In realtà il morso della tarantola provoca solo infiammazioni locali di nessuna gravità. Comunque la fantasia popolare vuole che da queste usanze sia nato il ballo della tarantella.
Tutti gli uffici pubblici saranno muniti di mazzi di carte per non annoiarsi quando ci sarà il blocco dei computer.
RISPOSTE STORICHE: Il grande poeta Dante Alighieri, già Priore del Comune di Firenze, designato nel 1301 ad essere inviato, insieme ad altri 2 concittadini, come ambasciatore al Papa Bonifacio VIII, commentò: “Se vado io chi resta?... Se resto io, chi va?”
IL SAGGIO DICE: Le cose sono unite da legami invisibili: non si può cogliere un fiore, senza turbare una stella (Albert Einstein).
ECLISSI: il giorno 26 avrà luogo un’Eclissi anulare di Sole visibile, come tale, dall’Arabia Saudita, dall’India, da Sumatra e dal Borneo. Il massimo avverrà alle ore 6.19 italiane e la durata sarà di 3 minuti e 39 secondi.
FENOMENI CELESTI: Mercurio rimane visibile all’alba praticamente tutto il mese; Venere rimane visibile dopo il tramonto. Marte è visibile nella parte terminale della notte: a fine mese sorge verso le ore 4.30. Giove è quasi invisibile tramontando immerso nei bagliori del crepuscolo; Saturno tramonta sempre più accosto al Sole.
MACCHIE SOLARI: attività sempre più intensa, con esplosioni e macchie molto evidenti.
TEMPESTE MAGNETICHE: in aumento, in conseguenza dell’attività solare.
GIORNATE FAVOREVOLI: nelle prime due settimane del mese si noteranno influssi negativi sulle attività psichiche.

Calendario

Richiedi subito la tua copia del Calendario

Inviaci un messaggio

Ti contatteremo al più presto

o vai alla pagina contatti
Sono presenti degli errori. Assicurati che i campi siano completi e corretti e reinvia il modulo.
Grazie ! La tua richiesta è stata inoltrata con successo. Ti contatteremo al più presto.