Il pensiero spirituale
Ci sono delle persone che una sola parola abbatte o una piccola umiliazione fa capovolgere la barca. Coraggio, fratelli,...
leggi tutto
MAMME IERI E OGGI
Oggi al primo posto tra gli elementi indispensabili alla sopravvivenza c’è lo smartphone, quello strumento, cioè, che avvicina le persone lontane, e allontana quelle vicine. Se alla mancanza di acqua si può resistere solo 10 giorni, alla mancanza dello smartphone si può resistere solo qualche ora. Possederlo quindi è questione di vita o di morte. Questo piccolo ma invadente oggetto, è divenuto così ingombrante da condizionare la nostra vita fi no ad indurci ad identificare la solitudine in un telefonino che non squilla mai. Questo oggetto è per le nuove generazioni il cordone ombelicale che le tiene attaccate al mondo, facendo perdere loro il senso della realtà che le circonda, e le vibrazioni spente del loro mondo interiore.

Conquiste di ieri e conquiste di oggi
Ma lo smartphone va alla destra o alla sinistra del piatto?
Giugno 2019
  • 1 s
    S. Giustino martire

    S. Fortunato sacerdote - S. Floro vescovo

    Chi semina foglie - non raccoglie frutti
    05.37
    20.48
  • 2 d 7ª Pasq. ASCENSIONE di Nostro Signore Gesù Cristo
    Chi ha fatto il male, faccia la penitenza
    05.37
    20.49
  • 3 l
    Ss. Carlo Lwanga e Compagni martiri

    S. Clotilde regina

    Luna Nuova a h. 12.01
    05.36
    20.50
  • 4 m
    S. Quirino vescovo martire

    S. Filippo Smaldone sacerdote - B. Pacifi co sacerdote francescano

    Non nasconderti dietro - una scusa di vetro
    05.36
    20.50
  • 5 m
    S. Bonifacio vescovo

    S. Franco sacerdote - S. Doroteo vescovo martire

    Non toccar con mano - un oggetto troppo strano
    05.35
    20.51
  • 6 g
    S. Claudio abate

    S. Norberto vescovo - B. Bertrando vescovo martire

    Regole sagge e prudenti - salvano case e conventi
    05.35
    20.52
  • 7 v
    S. Colmán vescovo

    S.Antonio Maria Giannelli vescovo

    Quanno a Roma semo condutti - ognuno per sé e Dio per tutti
    05.35
    20.52
  • 8 s
    S. Clodolfo vescovo

    B. Nicola Medda da Gesturi francescano

    Chi ha fatto un brutto tiro - non vada troppo in giro
    05.35
    20.53
  • 9 d PENTECOSTE S. Efrem dottore - S. Diomede martire
    Anche la volpe vecchia in laccio incappa
    05.34
    20.54
  • 10 l
    Beata Vergine Maria Madre della Chiesa

    S. Landerico vescovo - B. Diana d’Andalò vergine

    Primo Quarto a h. 07.59
    05.34
    20.54
  • 11 m
    S. Barnaba apostolo

    S. Paola Frassinetti vergine - B. Jolanda badessa vergine

    Ridere allegramente - è un tonico eccellente
    05.34
    20.55
  • 12 m
    S. Basilide martire

    S. Gaspare Bertoni sacerdote - B. Florida Cevoli francescana

    Tieni in serbo un bel sorriso - per chi arriva all’improvviso
    05.34
    20.55
  • 13 g
    S. Antonio di Padova dottore francescano

    S. Ramberto martire

    Dubbio e sospetto - cacciano dal letto
    05.34
    20.56
  • 14 v
    Ss. Valerio e Rufino martiri

    S. Eliseo

    Notte calma e serena te la prepari a cena
    05.34
    20.56
  • 15 s
    S. Vito martire

    S. Germana vergine - S. Benilde martire - S. Esichio martire

    Parla poco e ascolta assai - e giammai non fallirai
    05.34
    20.57
  • 16 d 11ª p.a. SS. TRINITÀ S. Aureliano vescovo
    Chi si corica al tramonto - si risveglia sempre pronto
    05.34
    20.57
  • 17 l
    S. Diogene martire

    S. Raniero di Pisa - S. Nicandro martire

    Luna Piena a h. 10.30
    05.34
    20.57
  • 18 m
    S. Elisabetta di Schönau vergine

    B. Osanna Andreasi vergine

    Asino che ha fame - mangia d’ogni strame
    05.34
    20.58
  • 19 m
    S. Romualdo abate

    S. Giuliana Falconieri vergine

    Soltanto una saggia esistenza - dimostra una vera sapienza
    05.34
    20.58
  • 20 g
    S. Gobano eremita

    S. Metodio vescovo martire - B. Margherita Ball vedova

    Nella guerra d’amor vince chi fugge
    05.34
    20.58
  • 21 v
    S. Luigi Gonzaga

    S. Raimondo vescovo - S. Leutfrido abate

    05.34
    20.58
  • 22 s
    S. Paolino vescovo

    S. Tommaso Moro mrtire - S. Flavio Clemente martire

    Dove è stato il fuoco c’è odore di bruciaticcio
    05.35
    20.58
  • 23 d 12ª p.a. CORPUS DOMINI S. Lanfranco vescovo
    Ognuno risponde delle proprie azioni
    05.35
    20.59
  • 24 l
    Natività di S. Giovanni Battista


    La bellezza il fiore e la virtù il frutto, son della vita
    05.35
    20.59
  • 25 m
    S. Guglielmo abate

    S. Prospero vescovo - S. Massimo vescovo

    Ultimo Quarto a h. 11.46
    05.36
    20.59
  • 26 m
    S. Rodolfo vescovo

    S. Giuseppe M. Escrivà sacerdote

    Un detto popolare - è sempre salutare
    05.36
    20.59
  • 27 g
    S. Arialdo diacono martire

    S. Zoilo martire - S. Sansone sacerdote

    Chi non va non vede - chi non prova non crede
    05.36
    20.59
  • 28 v
    Sacro Cuore di Gesù

    S. Ireneo vescovo martire

    Se hai talento e giudizio - non andrai a precipizio
    05.37
    20.59
  • 29 s
    Ss. PIETRO e PAOLO apostoli

    SS. Cuore Immacolato di Maria

    Cavallo che guarda indietro - ha poca voglia di andare avanti
    05.37
    20.59
  • 30 d 13ª p.a. Ss. PROTOMARTIRI romani
    Inutile far patti - coi principi e coi matti
    05.38
    20.59
Coltivatori
Tanto è ladro chi ruba, che chi tiene il sacco.
LAVORI DEL MESE Proseguite la lotta alle erbe infestanti e parassiti. Preparate le aiuole per le seconde semine. Fate i regolari trattamenti e le innaffiature necessarie. Eliminate i succhioni cresciuti sul vecchio degli alberi da frutto, viti e olivi prima che diventino legnosi. Diradate i frutticini in eccedenza appena finisce la cascola naturale. Controllate gli innesti innaffiando e aggiornando le legature. Evitate di far giungere direttamente il sole ai semenzai e alle giovani piantine.
ORTO Cominciate a raccogliere le piante aromatiche da essiccare. Trapiantate i cardi. Rincalzate le nuove piantine e irrigatele con regolarità. Aggiornate le legature dei pomodori ai sostegni e continuate a scacchiarli. Tagliate il vecchio ai carciofi fi no a 4 cm sotto il livello del suolo. Munite di sostegni fagioli e fagiolini rampicanti. Seminate e trapiantate pomodori per la raccolta tardiva. Semine e trapianti in terreno aperto: fagiolini e fagioli nani e rampicanti; cavoli precoci, rape e ravanelli; bieta da taglio e da coste; prezzemolo, sedano e basilico; zucchine e porri; lattughe, indivie e cicorie da taglio.
GIARDINO Innaffiate regolarmente le vostre piante in vaso, aggiungendo ogni 10/15 giorni un buon fertilizzante. Potate alberi ornamentali e arbusti sfioriti. Altrettanto fate con le bulbose sfiorite. Cominciate a cimare i crisantemi. Seminate all’aperto violacciocche, garofani, primule, campanelle, myosotis.
VIGNA E CANTINA Continuate a scacchiare le viti, facendo attenzione a lasciare i polloni utili per il prossimo anno. Provvedete ai trattamenti contro peronospora, oidio e botrite. In cantina controllate i livelli dei vasi vinari, facendo attenzione alle coperture con olio enologico e cambiando mensilmente la pastiglia antifioretta. Giorni adatti per i travasi dal 1 al 3 e dal 17 al 31 del mese.
Dal libro delle Stelle
OLTRE LE NUVOLE Perché nello Spazio non c’è aria? L’aria è una miscela complessa di gas, prevalentemente azoto e ossigeno, che costituisce l’atmosfera terrestre. L’aria ha avuto origine nel corso dell’evoluzione del nostro Pianeta, ed è trattenuta intorno alla Terra grazie alla forza di gravità. La medesima forza agisce anche sul resto della materia presente nell’Universo che si unisce dando origine a pianeti, stelle e galassie. Nello Spazio rimanente vi è una sorta di vuoto, chiamato dagli astronomi “mezzo interplanetario”, formato da una densità di circa 5 particelle per centimetro cubo. Questo nelle vicinanze del nostro Pianeta, ma risulta ancor minore man mano che ci si allontana dal Sole.
POSIZIONI PLANETARIE Il 4 del mese Mercurio entra in Cancro raggiungendo il 24 la massima elongazione orientale, per poi passare in Leone, il 27. Il 9 Venere entra in Gemelli; il Sole entrando in Cancro alle ore 17:54 del giorno 21 dà inizio all’Estate. Marte staziona in Cancro, Giove, in Sagittario, il 10 è in opposizione al Sole. Urano staziona in Toro e Nettuno, in Pesci, dal 20 diventa retrogrado.
Donne
CECE La pianta, esclusivamente di coltivazione, produce dei baccelli corti e coperti da una leggera peluria che contengono due o tre semi di forma tondeggiante dalla superficie appena grinzosa, di color crema a maturazione. I ceci si raccolgono da Giugno a Ottobre, si consumano solo secchi e si conservano a lungo (fi no a 18 mesi) anche in scatola. Tra tutti i legumi sono quelli che mantengono meglio le loro proprietà organolettiche. Consigli: prima di cuocerli, vanno messi in ammollo in acqua fresca: almeno 8 ore per i ceci raccolti da pochi mesi; per quelli vecchi di un anno e oltre, l’ammollo dovrà essere anche di 24 ore. Con l’ammollo raddoppiano di peso, per cui 100 gr di ceci secchi diverranno 200 gr da bagnati. Altre curiosità e consigli utili li trovi sul libro di Frate Indovino “In cucina non tutti sanno che…” ordinalo al numero: 075 5069369 oppure sul sito www.frateindovino.eu
Salute
CAMMINARE È UN DOVERE! Non sempre ci riflettiamo abbastanza, ma il moto all’aria aperta rappresenta un elisir di lunga vita. Trenta minuti al giorno a passo veloce (anche se non di corsa) sono necessari al fisico e alla mente. Ecco alcuni motivi su cui riflettere: si riduce il rischio di malattie cardiache; viene contrastato il diabete (sono sufficienti 2000 passi al giorno per contribuire ad allontanare l’aumento di diabete di tipo 2); si favoriscono le difese immunitarie e si allontana il rischio di ammalarsi; si aumenta la produttività e la reazione agli stress lavorativi; si stimola la creatività (il cervello si riposa e si predispone a dare nuove risposte ai problemi del quotidiano).
Per Tutti
SORRIDIAMO CON I GRANDI DELLA STORIA Talvolta Dante Alighieri (1265 – 1321) è stato descritto come persona eccentrica e scontrosa, mentre i suoi contemporanei lo ricordano come amante della buona tavola e del buon vino. Solo quando aveva alzato un po’ il gomito diventava di cattivo umore. Si racconta che un giorno a Milano fu invitato alla tavola del Can Grande della Scala e fu posto a sedere tra il padre e il figlio signori di quella città. A quei tempi c’era l’abitudine di gettare i resti del cibo sotto alla tavola. Durante il pranzo i due signori, Can Grande padre e figlio, senza dare nell’occhio, gettarono i resti sotto al tavolo dalla parte di Dante. A fi ne pasto tutti i commensali notarono il mucchio di residui davanti al sommo poeta e si complimentarono ironicamente del suo appetito. Al che l’Alighieri rispose: “Ho mangiato anche poco in confronto dei miei vicini. Solo che io le ossa non le ho mangiate, mentre essi, in ossequio al nome che portano, hanno divorato tutto”.
Voci che girano
Non è possibile essere una madre perfetta. Ma ci sono milioni di modi per essere una buona madre (Jill Churchill).
La mamma dovrebbe essere come una trapunta: tenere i fi gli al caldo, senza soffocarli (Anonimo).
Ci sono mamme che riempiono di baci e altre di sgridate, ma l’amore non cambia e in realtà la maggior parte delle mamme fa entrambe le cose (Pearl S. Buck).
La madre custodisce le chiavi dell’anima e conia la moneta del carattere (Anonimo).
Non limitarti a insegnare a tuo figlio solo quello che sai tu, perché siete nati in epoche diverse (Detto rabbinico).
Saprai che i tuoi fi gli stanno crescendo, quando inizieranno a fare domande che hanno delle risposte (John J. Plomb).
Una mamma ha due doveri: preoccuparsi ed evitare di farlo (E.M. Forster).
La mano che fa dondolare la culla è la mano che regge il mondo (William Ross Wallace).
Una madre che sta allevando suo figlio nel modo giusto, fa per il suo paese infinitamente di più di quanto fanno tutti i governanti (Werner Braun).
La cosa più importante che un padre possa fare per i suoi figli è amare la loro madre (Anonimo).
Le verità che contano, i grandi principi, alla fi ne, restano sempre due o tre. Sono quelli che ti ha insegnato tua madre (Enzo Biagi).
Educa un uomo ed avrai educato una persona, educa una donna ed avrai educato una famiglia (Proverbio africano).
Una società che si va facendo sempre più liquida ha bisogno di qualcosa di solido. La famiglia in Italia è un fattore decisivo di solidità (Angelo Scola).
Fate ciò che potete, con ciò che avete, dove siete (Theodore Roosevelt).
Salite il primo gradino con fiducia. Non occorre vedere tutta la scala, salite il primo gradino (Martin Luther King).
Pensiero Spirituale
I vostri beni non sono altro che un deposito posto dal Signore nelle vostre mani: dopo quello necessario a voi e alla vostra famiglia, il resto è dovuto ai poveri (Santo Curato d’Ars).
Grillo Sparlante
Il miglior modo di disfarti del tuo nemico è quello di fartelo amico.
Diplomazia: l’arte di non dire niente con il maggior numero possibile di parole.
Ieri sera sono andato a vedere uno spettacolo così brutto, che hanno preteso il rimborso anche coloro che sono entrati con il biglietto omaggio.
“Non è vero che tutti gli orologi svizzeri sono precisi!”. “Hai ragione, quelli della Svizzera italiana”.
Dalla Bisaccia di Frate Indovino
PASTICCIO DI ORTICA. - Ingredienti: 600 gr di cime di ortica - 100 gr di maggiorana - 3 uova - 3 salsicce – 1 cipolla - 2 cucchiai di pinoli - fette di pane abbrustolite - olio extrav, sale e pepe.
- Procedimento: bollite le cime di ortica e la maggiorana per qualche minuto in acqua salata - scolate, strizzate, tritate e insaporite nel soffritto di cipolla preparato a parte - fate raffreddare e unite le uova, la salsiccia sbriciolata e i pinoli - aggiustate di sale e di pepe - sistemate il tutto in una pirofila imburrata e fate cuocere in forno a 180 °C per 15 minuti - Servite su fette sottili di pane abbrustolito. [cfr. il nostro libro Curarsi a Tavola - Ricette facili con erbe offi cinali pag. 232].
Lo Sapevate
GIUDIZIO DI SALOMONE Spartizione rigorosamente equa di un bene, o qualcos’altro; decisione saggia ed imparziale; verdetto definitivo anche drastico e doloroso, ma emesso secondo i principi di equità e di giustizia. Espressione che si ricollega alla Storia Sacra (alla Bibbia). Racconta l’Autore sacro (1 Re 3, 16-28) che si presentarono al Re Salomone due donne con un bambino piccolissimo, ancora in fasce. Ognuna sosteneva di essere la mamma del bambino, e lo voleva per sé. Allora Salomone si fece portare una spada e disse: “Dividete il bambino in due e datene una parte ciascuna”. A quelle parole una delle due donne disse: “Va bene, così non sarà né mio né tuo”. L’altra invece diceva tra le lacrime: “Date il bambino a lei, io ci rinuncio, basta che lui viva!”. Allora Salomone concluse: “Date il bambino a quest’ultima e non uccidetelo, la vera madre è lei”.
Vedo Prevedo Travedo
Gli errori della gioventù continueranno ad essere ancora gli errori dell’età di mezzo e della vecchiaia. A tanto giungerà ancora la cortezza di mente e la superficialità umana.
RISPOSTE STORICHE: Il brillante giornalista Luigi Arnaldo Vassallo (in arte Gandolin) (1852 – 1906), una volta a Roma rimase stupito dell’abitudine della gente del posto a dare del tu. A un cameriere che gli aveva risposto nel modo per lui consueto, disse: “Come, io che sono lei, do del lei a voi che siete tu; e tu, che non sei nemmeno voi, dai del tu a me che sono lei?”.
IL SAGGIO DICE: Se vuoi arrivare primo, corri da solo. Se vuoi arrivare lontano, cammina insieme (Proverbio africano).
Non tirare i baffi al gatto, potresti trovare i denti di una tigre.
Specola
FENOMENI CELESTI: Mercurio è visibile al tramonto del Sole, forse per tutto il mese; Venere rimane visibile all’alba; Marte è visibile al tramonto per una manciata di minuti; Giove è nelle migliori condizioni di visibilità, per tutta la notte, anche Saturno è ben visibile dopo il tramonto del Sole e per tutto il resto della notte.
MACCHIE SOLARI: intensa attività con macchie e facole ben riconoscibili.
TEMPESTE MAGNETICHE: esplosioni solari influenzano il campo magnetico terrestre.
GIORNATE FAVOREVOLI: periodo problematico per chi svolge attività collegate ad un forte impegno psicologico, specialmente in soggetti predisposti.
Contattaci
Edizioni Frate Indovino
Via Marco Polo, 1 bis
06125 Perugia - ITALY
  Numero unico Servizio Clienti
(+39) 075 5069369
CHIUSO:
il venerdì pomeriggio,
il sabato e i giorni festivi
info@frateindovino.eu    Fax (+39) 075 5051533 
 
© 2011 Edizioni Frate Indovino - pi 00478700545