Il pensiero spirituale
Ci sono delle persone che una sola parola abbatte o una piccola umiliazione fa capovolgere la barca. Coraggio, fratelli,...
leggi tutto
FIDANZATI IERI E OGGI
Una possibile etimologia della parola Amore è a-mors, cioè qualcosa che non muore, che è per sempre. Una volta si affidavano a due cuori trafitti da una freccia e incisi su un albero le sorti di una avventura di amore, che era per la vita. Oggi non c’è più tempo per scolpire, e allora sono stati inventati i lucchetti dell’amore, belli, forti, smaglianti… ma troppo spesso succede che per un’anima gemella di oggi, se scopre una “più gemella” domani, e bisogna ricorrere alle cesoie per rinnovare l’incanto dell’amore. Credo sia legittima una domanda: ma di quale amore si parla oggi?

Conquiste di ieri e conquiste di oggi
Strappi d?autore
Maggio 2019
  • 1 m Festa del Lavoro
    Maggio in fiore – gioia in cuore
    06.08
    20.16
  • 2 g
    S. Atanasio vescovo dottore

    S. Antonino vescovo - Ss. Espéro e Compagni martiri

    Maggio troppo mollo - fa allungare il collo
    06.06
    20.17
  • 3 v
    Ss. Filippo e Giacomo apostoli

    B. Maria Leonia Paradis vergine

    Se i topi vuoi pigliare - non devi miagolare
    06.05
    20.18
  • 4 s
    B. Ladislao sacerdote francescano

    Ss. Agapio e Secondino vescovi martiri

    Chi ha bisogno non mostri i denti
    06.04
    20.19
  • 5 d 3ª Pasq. S. GOTTARDO vescovo
    Luna Nuova a h. 00.45
    06.02
    20.21
  • 6 l
    S. Lucio vescovo

    S. Benedetta vergine - B. Anna Rosa Gattorno vedova

    I calli del lavoro - sono un vero tesoro
    06.01
    20.22
  • 7 m
    Ss. Flavio e Compagni martiri

    B. Gisella badessa - S. Agostino Roscelli sacerdote

    Chi non sa fare - veda di imparare
    06.00
    20.23
  • 8 m
    S. Benedetto II papa

    S. Desiderato vescovo

    Ogni fatica ingrata allunga la giornata
    05.59
    20.24
  • 9 g
    S. Isaia

    S. Erma - B. Benincasa da Montepulciano eremita

    Il pane ha buon sapore – se è frutto di sudore
    05.57
    20.25
  • 10 v
    S. Giovanni d’Avila dottore

    B. Beatrice d’Este vergine

    Pace e dignità - sono beni preziosi di ogni civiltà
    05.56
    20.26
  • 11 s
    S. Ignazio da Làconi francescano

    S. Maiólo abate

    Sorridi a tutti quanti - non dietro ma davanti
    05.55
    20.27
  • 12 d 4ª Pasq. S. LEOPOLDO Mandic´ francescano
    Primo Quarto a h. 03.12
    05.54
    20.29
  • 13 l
    Beata Vergine Maria di Fatima

    S. Servazio vescovo

    Il migliore amico è quello che ti conosce a fondo e continua a volerti bene
    05.53
    20.30
  • 14 m
    S. Mattia apostolo

    S. Gallo vescovo - S. Teodora Guerin

    Baratta, baratta - un bue diventa gatta
    05.52
    20.31
  • 15 m
    S. Simplicio sacerdote

    Ss. Cassio e Vittorino martiri

    Meglio modesta rendita - che poco chiara vendita
    05.51
    20.32
  • 16 g
    S. Ubaldo vescovo

    S. Onorato vescovo - S. Simone Stock sacerdote

    Il sale di ogni anima è la verità
    05.50
    20.33
  • 17 v
    S. Pasquale Baylon francescano

    S. Giulia Salzano vergine

    La carità segreta - rende l’anima lieta
    05.48
    20.34
  • 18 s
    S. Felice da Cantalice francescano

    Ss. Claudia e Compagni martiri

    Luna Piena a h. 23.11
    05.48
    20.35
  • 19 d 5ª Pasq. S. CRISPINO da Viterbo francescano S. Ivo sacerdote
    Maggio rosato - mese profumato
    05.47
    20.36
  • 20 l
    S. Bernardino da Siena francescano

    B. Colomba vergine - S. Lidia

    Prima il dovere - poi il piacere
    05.46
    20.37
  • 21 m
    Ss. Cristoforo Magallanes sacerdote e compagni martiri


    05.45
    20.38
  • 22 m
    S. Rita da Cascia vedova

    B. Umiltà badessa

    Chi va a caccia senza cane - torna a casa senza lepre
    05.44
    20.39
  • 23 g
    S. Desiderio vescovo martire

    S. Siagrio vescovo - S. Eutizio abate

    Meglio un’oncia di buon senso - che un quintale di talento
    05.43
    20.40
  • 24 v
    Beata Vergine Maria Ausiliatrice

    Ss. Donaziano e Rogaziano martiri

    Quando passi per la via - non scordar di salutar Maria
    05.42
    20.41
  • 25 s
    S. Beda dottore

    S. Zenobio vescovo - S. Maddalena Sofi a Barat vergine

    I proverbi sono nati - prima d’essere stampati
    05.41
    20.42
  • 26 d 6ª Pasq. S. FILIPPO Neri sacerdote S. Marianna di Gesù vergine
    Ultimo Quarto a h. 18.33
    05.41
    20.43
  • 27 l
    S. Agostino vescovo

    Bb. Edmondo Duke e Compagni martiri

    Il diavolo fa le pentole, non i coperchi
    05.40
    20.44
  • 28 m
    S. Germano vescovo

    B. Ercolano da Piegaro sacerdote francescano

    Mani callose - mani preziose
    05.39
    20.45
  • 29 m
    S. Massimino vescovo

    S. Bona vergine - B. Gherardesca vedova

    Non cercare la cultura - sol per far bella figura
    05.39
    20.46
  • 30 g
    S. Giovanna d’Arco vergine martire

    S. Ferdinando III re

    Poco serve il cappello - se poi manca il cervello
    05.38
    20.46
  • 31 v
    Visita Beata Vergine Maria a S. Elisabetta

    B. Mariano francescano

    Quello che è per natura - fino alla morte dura
    05.38
    20.47
Coltivatori
Se l’invidia fosse febbre, tutto il mondo ce l’avrebbe!
LAVORI DEL MESE Cominciate ad aprire (o a smontare) le protezioni invernali. Proseguite i trapianti in terreno aperto e date terra alle nuove piantine appena avranno attecchito. Controllate gli innesti aggiornando le legature. Eliminate i succhioni inutili dalle piante da frutto. Continuate la battaglia alle erbe infestanti e ai parassiti. Cominciate ad innaffi are con regolarità.
ORTO Cimate meloni e cocomeri dopo la terza foglia. Munite di sostegni le piantine di pomodori e iniziate a scacchiarle. Rincalzate le patate. Dopo la metà del mese potete cominciare a seminare i cardi. Semine e trapianti in terreno aperto: Cavoli estivi e autunnali precoci, rape, ravanelli; lattughe di tutti i tipi, bieta da costa e da taglio, sedano, prezzemolo, basilico, rucola; zucche, zucchine e cetrioli; pomodori, melanzane, peperoni; carote, cardi, fagioli e fagiolini di tutti i tipi.
GIARDINO Terminate di portare all’aperto le piante tenute al riparo durante l’inverno, svasandole e concimandole. Eliminate i fiori appassiti delle bulbose sfiorite e degli arbusti (o siepi). Terminate la sistemazione dei crisantemi. Interrate le piantine di fiori a fioritura estiva e autunnale.
VIGNA E CANTINA Siate puntuali nei trattamenti contro la peronospora e l’oidio, con zolfo in polvere e prodotti a base di rame. In caso di piogge frequenti e temperature basse, irrorate ogni 7/8 giorni. In caso di grandine intervenite subito con robuste dosi di solfato di rame. Eliminate ogni settimana i succhioni, fino a tutto il mese di luglio. In cantina tenete sotto controllo i livelli dei vasi vinari. Cambiate ogni mese la pastiglia antifioretta. Mantenete la temperatura sotto ai 18 °C. Giorni buoni per i travasi: dal 1 al 5 e dal 18 al 31 del mese.
Dal libro delle Stelle
OLTRE LE NUVOLE Sul Pianeta Venere un giorno dura più di un anno. Il Pianeta, infatti, ha un moto di rotazione retrogrado, ruota cioè attorno al proprio asse in senso contrario rispetto alla maggior parte degli altri pianeti del Sistema Solare. Questo fatto, unito alla lentezza nella rotazione, fa sì che un giorno venusiano corrisponda a circa 243 giorni terrestri. Non solo: a questo Pianeta, invece, per compiere una rivoluzione completa attorno al Sole, occorrono 225 giorni terresti (7 mesi e mezzo). Si può dire, quindi, che il giorno dura più di un intero anno venusiano.
POSIZIONI PLANETARIE Il giorno 6 Mercurio entra in Cancro per poi passare in Gemelli il 21, lo stesso giorno in cui è in congiunzione superiore col Sole. Venere il giorno 15 entra in Toro, mentre Marte, il 16, passa in Cancro. Il Sole entra in Gemelli il giorno 21. Gli altri pianeti permangono nella situazione del mese precedente: Giove in Sagittario, Saturno in Capricorno, Urano in Toro e Nettuno in Pesci.
Donne
FAGIOLINO Detto anche fagiolo mangiatutto, è una varietà di fagiolo che si raccoglie a maturazione incompleta e se ne mangia l’intero baccello, che è raccolto prima dell’ingrossamento del seme interno. Consigli: per verificare la freschezza del fagiolino, controllate che la polpa sia turgida e non avvizzita. Spezzatene poi un’estremità: se è fresco, si romperà di netto e sul taglio si formerà una gocciolina. Per verificare che i fagiolini siano stati raccolti al momento giusto, controllate che il baccello non sia troppo “panciuto” (segno dell’iniziata crescita del seme interno). Lessate i fagiolini in abbondante acqua bollente da un minimo di 7 minuti a un massimo di 15: più breve sarà la cottura, più conserveranno le loro caratteristiche nutrizionali restando croccanti e di colore brillante. Altre curiosità e consigli utili li trovi sul libro di Frate Indovino “In cucina non tutti sanno che…” ordinalo al numero: 075 5069369 oppure sul sito www.frateindovino.eu
Salute
ULTRACENTENARI? ECCO COME! Frutta e verdura: meglio abbondare, raggiungendo sette o più porzioni al giorno, riducendo il rischio di morte indipendentemente dall’età che si ha. - Assumere alimenti ricchi di antiossidanti come i frutti rossi, le fragole, i frutti di bosco, le carote, i pomodori, gli spinaci, i peperoni e le bacche di goji (molto in voga ultimamente). - Gli omega 3 che aiutano a ridurre la mortalità generale del 27% e la mortalità legata alle malattie cardiache di oltre un terzo (35%); non sono presenti solo nel pesce, ma anche in cibi vegetali come semi di lino, olio di lino, semi di canapa e noci, in alcuni vegetali a foglia verde e legumi.
Per Tutti
SORRIDIAMO CON I GRANDI DELLA STORIA Il Poeta e romanziere italiano Antonio Ghislanzoni (1824 – 1893), autore tra l’altro anche del libretto dell’ Aida di Verdi, era importunato continuamente da un giovane maestro che voleva mettere in musica qualcosa di originale. Alla fine si decise a mandare allo scocciatore questo testo: “Son contento, ho ben pranzato, buono il vin, servizio pronto, l’oste amabile è garbato. Un’occhiata or diamo al conto. Pane 10, vermicelli venticinque, manzo trenta, peperoni 10, uccelli allo spiedo con polenta una e quindici, stracchino trentacinque, un litro vino una e quindici: totale tre e quaranta: non c’è male!”.
Voci che girano
Si vede solo con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi (Antoine de Saint Exupéry).
Amarsi significa arricchirsi delle proprie reciproche differenze (Paul Valery).
Nell’aritmetica dell’amore uno più uno è uguale a tutto, e due meno uno è uguale a niente (Mignon McLaughlin).
L’amore vero è il cammino di due verso un ideale comune (I.d’Hormoy).
Amarsi non è guardarsi negli occhi, ma guardare nella stessa direzione (Antoine de Saint Exupery).
L’amore è un bellissimo fiore, ma bisogna avere il coraggio di raccoglierlo sull’orlo di un precipizio (Stendhal).
Nessun rapporto è tutto sole, ma si può condividere lo stesso ombrello, e sopravvivere alla tempesta insieme .(Gabriella Fogli).
Uccidono l’amore più la noia che il tormento (Roberto Gervso).
Le persone dovrebbero sposarsi quando si conoscono bene. Di solito invece è proprio allora che si lasciano (Jean Sabotka).
Alcuni fidanzamenti finiscono felicemente, altri con il matrimonio (Robert Lembke).
Un fidanzato è un uomo felice che si prepara a smettere di esserlo (Enrique J. Poncela).
La differenza tra un fi danzato e un marito è almeno 20 chili (Angela Finocchiaro).
Non permettere che una piccola disputa distrugga un grande amore (Dalai Lama).
Decidere di avere un figlio è una scelta radicale. E’ accettare di avere per sempre il proprio cuore che cammina per il mondo fuori dal nostro corpo (Elizabeth Stone).
Qualunque cosa distrugga la libertà, non è amore, deve trattarsi di altro, perché amore e libertà vanno a braccetto, sono due ali di uno stesso gabbiano (Osho Rajncesh).
La rosa ha le sue spine: per questo la rosa è il fi ore dell’amore (Arturo Graf).
Ciò che è la perla per la conchiglia, è talvolta l’amore per il cuore: il suo unico tesoro, ma anche il suo insanabile tormento (Joseph Corvos).
Se ami, perdona. Non perché essi meritano il perdono, ma perché tu meriti la pace (Proverbio buddista).
La vita è un’avventura nel perdono (Norman Cousins).
Occhio per occhio, dente per dente. E il mondo diventerebbe cieco (Khalil Gibran).
Pensiero Spirituale
L’invidioso vuol sempre salire, il santo vuol sempre abbassarsi. Così l’invidioso scende sempre e il santo sale sempre (Santo Curato d’Ars).
Grillo Sparlante
La scienza è una cosa meravigliosa …quando uno non deve guadagnarcisi da vivere (Albert Einstein).
Il colmo per uno scrittore: quando è lui a dover chiedere l’autografo ai suoi lettori.
Se chiuderai la porta ad ogni errore, anche la verità prima o poi resterà fuori.
Il colmo della disgrazia è arrendersi di fronte alle disgrazie.
Dalla Bisaccia di Frate Indovino
FRITTATA DI FIORI DI ROBINIA - Ingredienti: 6 uova - 2 tazze di fi ori di robinia - 50 gr di trito di carota, cipolla e sedano - olio extrav - sale.
- Procedimento: tritate finemente la carota, la cipolla e il sedano e fateli soffriggere in olio extrav. - fatevi appassire anche i fiori di robinia puliti e privati del picciolo - sbattete bene le uova, unitele all’impasto - aggiustate di sale - cuocete in un tegame antiaderente, facendo dorare i due lati – servite dopo aver guarnito il tutto con qualche fi ore fresco di robinia. [cfr. il nostro libro Curarsi a Tavola – Ricette facili con erbe offi cinali pag. 303].
Vedo Prevedo Travedo
Finalmente nei dibattiti televisivi si impiegherà un unico microfono che sarà passato volta per volta a chi è invitato a parlare, così si eviteranno sovrapposizioni di voci e le solite disgustose e incivili cagnare.
RISPOSTE STORICHE: Il Cardinal San Carlo Borromeo (1538 – 1584), Arcivescovo di Milano, al Governatore spagnolo della stessa città, Albuquerque, che voleva cacciarlo da tutti gli stati del Re di Spagna, rispose: “Temo, Eccellenza, di non essere degno di tanto onore”.
IL SAGGIO DICE: Vivi per te stesso e vivrai invano; vivi per gli altri, e ritornerai a vivere (Bob Marley).
Lo Sapevate
AVERE (ESSERE) DELLE REMORE Significa avere delle incertezze che fanno da freno, da rallentatore, nel fare una faccenda o nel prendere una decisione. Rimandare una decisione per dubbi non ancora risolti. Essere d’impaccio, costituire un freno o un impedimento nel fare o decidere qualcosa. La remora (Echeneis remora) è un pesce del genere dei Teleostei provvisto sul dorso di un organo di attracco, simile ad una ventosa, che gli permette di attaccarsi a grossi pesci, o anche a imbarcazioni e farsi trasportare così anche per lunghi tratti. Secondo un’antica leggenda, riportata anche dal Manzoni ne I Promessi Sposi, le remore sarebbero capaci di fermare anche grosse imbarcazioni. Da qui il significato di rallentare, o di frenare, legato a questo strano e accidioso vivente.
Specola
FENOMENI CELESTI: Mercurio è teoricamente visibile all’alba nella prima parte del mese e a fi ne mese si riaffaccia al crepuscolo. Venere persiste nella sua visibilità all’alba; Marte è visibile ancora per circa due ore e mezzo dopo il tramonto del Sole; Giove sorge dopo il crepuscolo e resta visibile per tutta la notte; Saturno è visibile per tutta la seconda parte della notte.
MACCHIE SOLARI: contenute sin verso la fine del mese.
TEMPESTE MAGNETICHE: a fine mese si apre un nuovo periodo di particolare intensità.
GIORNATE FAVOREVOLI: fase positiva per tutti fi no al termine del mese.
Contattaci
Edizioni Frate Indovino
Via Marco Polo, 1 bis
06125 Perugia - ITALY
  Numero unico Servizio Clienti
(+39) 075 5069369
CHIUSO:
il venerdì pomeriggio,
il sabato e i giorni festivi
info@frateindovino.eu    Fax (+39) 075 5051533 
 
© 2011 Edizioni Frate Indovino - pi 00478700545