Il pensiero spirituale
Ci sono mille modi per compiacere Dio, ma nessuno può esserlo senza la Fede. A volte non sappiamo dove sia Dio, ma...
leggi tutto
L’albero genealogico
“Nonna, chi c’era prima di me?”. Nonna Maria era rimasta trasecolata per la domanda sparata a bruciapelo dalla piccola Susy di sei anni. “Beh… C’erano papà e mamma, i nonni, i nonni dei nonni… poi c’era il mondo, la gente… Ma andiamo a vedere i gattini che sono appena nati!...”. E la cosa era finita lì. Ma la nonna aveva continuato a pensarci su e le era venuta un’idea strepitosa da confidare subito a nonno Luigi: “Ho pensato di fare un albero genealogico per la nostra Susy”. Al nonno lì per lì era sembrata un’idea stravagante, poi piano piano l’aveva digerita. “Certo, noi nonni siamo una parte vivente della storia della famiglia, siamo coloro che testimoniano una continuità con il passato, perché l’abbiamo vissuto… Noi sappiamo, noi ricordiamo, eravamo presenti. Chi meglio di noi ha le carte in regola per dare i punti di riferimento, per tracciare le coordinate storiche dell’esistenza di questi nipotini?”. E si erano messi all’opera. Avevano consultato uffici anagrafi ci e archivi parrocchiali. Avevano aperto casse e scaffali di antichi “cimeli” riposti in soffitta, e rovistato nei cassetti dove riposavano tra la polvere le carte importanti di famiglia, ed erano riusciti ad allestire un albero genealogico con una linea di ascendenti fi no alla quarta generazione; e tanti oggetti, quali foto, lettere, documenti, ricordi di famiglia… tutti elementi utili per raccontare la vita del passato, avvenimenti, storie di antenati, cosa facevano, come vivevano, come si sono incontrati… Tutte realtà che per i nipotini hanno l’incanto delle fiabe. Inutile dire che la piccola Susy si è letteralmente tuffata in quel mondo che le si è aperto dinnanzi, e ha continuato ad incalzare i nonni con il suo “ancora, ancora”. Un bagno nel passato veramente utile e costruttivo.

Nonni e Nipoti
- “Nonna, giochiamo un po? insieme?”. - Perché non lo chiedi al papà o alla mamma?”. - Perché loro hanno sempre cose importanti da fare”.
Agosto 2018
  • 1 m
    S. Alfonso Maria de’ Liguori vescovo dottore


    Il ciel d’agosto, nelle notti chiare - offre lacrime calde e non amare
    06.05
    20.36
  • 2 g
    Santa Maria degli Angeli

    S. Eusebio di Vercelli vescovo - Perdono di Assisi

    Il pudore è la protezione dell’anima
    06.06
    20.34
  • 3 v
    S. Asprenato vescovo

    B. Salvatore Ferrandis Seguì

    Chi dorme d’Agosto - dorme a suo costo
    06.07
    20.33
  • 4 s
    S. Giovanni Maria Vianney sacerdote

    S. Eleuterio martire

    Ultimo Quarto a h. 20.18
    06.08
    20.32
  • 5 d 18ª p.a. S. MARIA della Neve S. Osvaldo re martire
    Agosto, primi giorni d’inferno - a fi ne mese, primi accenni d’inverno
    06.10
    20.31
  • 6 l
    Trasfi gurazione di Nostro Signore Gesù Cristo

    B. Ottaviano vescovo

    Felicità d’amore - attenua ogni dolore
    06.11
    20.29
  • 7 m
    S. Gaetano da Thiène sacerdote

    S. Alberto sacerdote

    Sempre ben arrivato - ciò che vien da S. Donato
    06.12
    20.28
  • 8 m
    S. Domenico di Guzmán sacerdote

    S. Emiliano vescovo

    Non si compiange mai, chi va cercando guai
    06.13
    20.27
  • 9 g
    S. Teresa Benedetta della Croce Patr. D’Europa


    Ascoltare con amore - apre davvero il cuore
    06.14
    20.25
  • 10 v
    S. Lorenzo diacono martire

    S. Blano vescovo - B. Arcangelo francescano

    Per ogni volpe in giro - c’è sempre un pollo a tiro
    06.15
    20.24
  • 11 s
    S. Chiara di Assisi vergine francescana

    S. Susanna - S. Rufi no vescovo martire

    Luna Nuova a h. 11.57
    06.16
    20.22
  • 12 d 19ª p.a. S. EUPLO martire Ss. Aniceto e Fozio martiri - S. Lelia vergine
    Il tempo viene per chi sa aspettarlo
    06.17
    20.21
  • 13 l
    Ss. Ponziano papa e Ippolito martiri

    S. Vigberto abate

    All’assente e al morto - non si deve far torto
    06.18
    20.19
  • 14 m
    S. Massimiliano Maria Kolbe martire francescano

    S. Arnolfo vescovo

    Al più potente - ceda il più prudente
    06.20
    20.18
  • 15 m ASSUNZIONE DELLA Beata Vergine Maria
    Al cielo, al cielo, al ciel - verrò a vederti un dì
    06.21
    20.16
  • 16 g
    S. Stefano d’Ungheria re

    B. Placido García martire francescano

    Chi ha carro e buoi - fa bene i fatti suoi
    06.22
    20.15
  • 17 v
    S. Chiara della Croce vergine

    S. Beatrice da Silva Meneses vergine

    Dio ti salvi da un cattivo vicino e da un principiante di violino
    06.23
    20.13
  • 18 s
    S. Elena imperatrice

    S. Firmino vescovo - S. Agapito martire

    Primo Quarto a h. 09.48
    06.24
    20.12
  • 19 d 20ª p.a. S. LUDOVICO d’Angiò vescovo francescano S. Magno martire
    Chi va al mercato e mente - la borsa sua lo sente
    06.25
    20.10
  • 20 l
    S. Bernardo di Chiaravalle abate dottore


    Non è degno di onor, chi onor pretende
    06.26
    20.08
  • 21 m
    S. Pio X papa

    S. Ciriaca - Ss. Agatonico e Compagni martiri

    Fa’ il tuo dovere - e non temere
    06.27
    20.07
  • 22 m
    Bata Vergine Maria Regina

    S. Filippo Benizi sacerdote

    Ave, Regina dei cieli, degli Angeli Signora!
    06.29
    20.05
  • 23 g
    S. Rosa da Lima vergine

    S. Zaccheo vescovo - S. Flaviano vescovo

    06.30
    20.04
  • 24 v
    S. Bartolomeo apostolo

    S. Maria Michela del SS. Sacramento vergine

    Grande bonaccia, tempesta minaccia
    06.31
    20.02
  • 25 s
    S. Genesio martire

    S. Luigi IX re O.F.S.

    Meglio esser superiori - più di dentro che di fuori
    06.32
    20.00
  • 26 d 21ª p.a. S. ALESSANDRO martire S. Eleuterio vescovo
    Luna Piena a h. 13.56
    06.33
    19.59
  • 27 l
    S. Monica vedova

    S. Amedeo vescovo - S. Rufo martire

    Verità e odio, tornano sempre a galla
    06.34
    19.57
  • 28 m
    S. Agostino vescovo dottore

    S. Ermete martire - S. Fiorentina vergine

    Molinaro di bianca farina - l’occhio guarda e la mano rapina
    06.35
    19.55
  • 29 m
    Martirio di S. Giovanni Battista

    S. Sabina vergine

    “Mamma, com’è grande il mondo”, disse il bambino che aveva fatto il giro dell’orto
    06.36
    19.53
  • 30 g
    S. Bononio abate

    S. Fantino eremita - B. Maria Rafols vergine

    Chi non mangia al desco - ha mangiato di fresco
    06.38
    19.52
  • 31 v
    S. Aristide

    Ss. Nicodemo e Giuseppe d’Arimatea

    Agosto se n’è andato - a Settembre il suo posto ha lasciato
    06.39
    19.50
Coltivatori
Stai lontano dalla peste, dalla guerra, e dai musi che guardano per terra.
LAVORI DEL MESE. Agosto è soprattutto il mese dei trapianti delle varietà autunno-invernali. Fate attenzione alla scelta delle piantine, che siano giovani e rigogliose. Mantenetele ad un’umidità costante e rincalzatele appena vedete che hanno attecchito. Controllate la situazione idrica di tutte le vostre coltivazioni. Fate gli innesti a gemma dormiente. Vigilate sulla presenza della mosca dell’olivo (specialmente se il tempo è piovoso) e intervenite con opportuni trattamenti. Continuate a fare le conserve con i vostri prodotti.
ORTO. Rincalzate finocchi, porri, cardi. Cominciate ad imbianchire sedani ed indivie. Impiantate le nuove carciofaie per ovoli. Ultimate la raccolta di patate, agli e cipolle. Semine e trapianti in terreno aperto: concludete le semine e i trapianti iniziati in Luglio. In particolare: lattughe di ogni tipo, cicorie, indivie, radicchi; cavoli di ogni tipo, rape; finocchi, cipolle, porri; rucola, ravanelli, valeriana, spinaci.
GIARDINO. Raccogliete i bulbi delle piante che hanno chiuso la vegetazione e riponetele in luogo asciutto ed arieggiato. Fate talee di fucsie, rose, ortensie. Innaffiate e sfoltite le rose per stimolarne la rifioritura autunnale. Continuate a cimare i crisantemi. Concimate ed innaffiate le piante in vaso facendo attenzione alla presenza di parassiti. Piantate narcisi, crocus, colchico e mughetti.
VIGNA E CANTINA. Con l’inizio dell’invaiatura, eseguite l’ultimo trattamento contro oidio e peronospora e, se necessario, anche contro la botrite. Seguite con cura la maturazione delle uve. Cominciate a preparare tutte le attrezzature per la vendemmia e la vinifi cazione. Per tutti i dettagli consultate il nostro libro: Vigna, Vino e Cantina, alle pagine 221- 271. Giorni adatti per i travasi: dal 1° all’11 e dal 26 al 31 Agosto.
Dal libro delle Stelle
OLTRE LE NUVOLE. I padri dell’astronomia – Christiaan Huygens (L’Aia, 1629 – L’Aia, 1695) è stato un matematico, astronomo e fisico olandese fra i protagonisti della rivoluzione scientifica. Scoprì Titano, la maggiore luna di Saturno, utilizzando un telescopio di propria fabbricazione e teorizzò che Saturno fosse circondato da un anello sottile e piatto. Si occupò anche di ottica proponendo nuove tecniche di lavorazione per le lenti degli strumenti astronomici. Gli è stato dedicato un asteroide, un cratere su Marte e un monte sulla Luna. Porta il suo nome anche il lander atterrato su Titano durante la Missione spaziale Cassini- Huygens nel 2005.
POSIZIONI PLANETARIE. Il giorno 7 Venere entrerà nella costellazione della Bilancia. Il 9 del mese Mercurio sarà alla congiunzione inferiore. Il 13 Marte, retrogrado, entrerà in Capricorno, il 17 Venere sarà alla massima elongazione est. Il 23 il Sole passerà in Vergine, il 26 Mercurio sarà alla massima elongazione occidentale. Giove staziona sempre in Scorpione, Saturno in Capricorno, Urano in Toro, Nettuno, quasi immobile, in Pesci.
Donne
CONVERSAZIONE. La pasta fresca può essere conservata in frigorifero per circa due giorni. Per mantenerla più a lungo è opportuno farla essiccare bene e poi congelarla. Per usarla, poi, occorre farla scongelare prima della bollitura. Il modo migliore per congelare la pasta ripiena (cappelletti, ravioli ecc…) consiste nel sistemarla su vassoi, in modo che i singoli pezzi siano separati tra loro, e poi metterla nel congelatore. Quando la pasta è ben surgelata potete riporla in sacchetti e tenerla nel freezer. In questo modo non si attaccherà.
Salute
Niente da dire contro i medici, gente grandiosa: prima quando si aveva una puntura di zanzara ci si grattava, oggi ci possono prescrivere dodici pomate diverse e nessuna serve (Gottfried Benn).
CAPPERO. I capperi hanno un discreto contenuto di proteine, vitamina A, E, C e K, ribofl avina, folati, niacina, calcio, manganese, ferro, magnesio e rame. I boccioli fi orali hanno proprietà diuretiche e stimolano l’appetito e le funzioni digestive. I boccioli hanno inoltre una notevole capacità protettiva della cute e di normalizzazione della circolazione sanguigna superfi ciale. Dal nostro volume: “Curarsi a Tavola – Ricette facili con erbe offi cinali”.
Per Tutti
NON FERMARSI ALLE APPARENZE. Una bella mattina di primavera inoltrata, una famiglia, papà e mamma con tre fi gli piccoli, decisero di passare una giornata al mare. Mentre i grandi prendevano il sole e i piccoli giocavano sulla sabbia, comparve di lontano una vecchina che si avvicinava camminando in modo irregolare sulla spiaggia. Man mano che procedeva, si evidenziavano i suoi vestiti consunti, i suoi capelli scompigliati dal vento e il suo volto rugoso, mentre si chinava qua e là in continuazione a raccogliere qualcosa che metteva in un sacco e se lo trascinava dietro. I genitori chiamarono subito i bambini e raccomandarono loro di non allontanarsi. Quando la vecchina passò vicino a loro, salutò con un sorriso, ma loro non risposero al saluto e la guardarono allontanarsi in silenzio con un sospiro di sollievo. Più tardi vennero a sapere che quella vecchia era una donna rimasta sola, e ogni giorno usciva sulla spiaggia a raccogliere i pezzetti di vetro affi nché i bambini non si ferissero i piedi.
Pensiero Spirituale
La Fede ci dà il coraggio di affrontare il presente con serenità e il futuro con fiducia. Chi teme il futuro di solito rovina anche il presente.
Grillo Sparlante
Più si sale sulla scala sociale, più “parenti poveri” si vengono a conoscere.
La morte è in assoluto la realtà che ha più memoria di tutti: non dimentica mai nessuno!
Qualcuno ha detto che la preghiera del mattino dell’uomo moderno è la lettura del giornale, ma non ha indicato a quale terribile “totem”, o orco, va indirizzata.
L’arte più curata e più seguita nelle stanze di gestione del potere è… l’arte volpina.
A forza di raccontar bugie, alla fine anche chi le dice ne rimane convinto.
Dalla Bisaccia di Frate Indovino
SALSA TARTARA. - Ingredienti: uova - mostarda - olio extrv. di oliva, capperi - prezzemolo - aceto - sale e pepe -
- Procedimento: schiacciate 4 tuorli di uova sode in un tegame di coccio - aggiungete sale e pepe, un cucchiaio di mostarda e un cucchiaio di aceto - rimestate bene con un cucchiaio di legno - lasciate cadere sull’impasto, poco a poco, un bicchiere di olio e, intramezzando, qualche goccia di aceto, sempre mescolando - Da ultimo aggiungete un cucchiaio di capperi e un pizzico di prezzemolo tritati - amalgamate bene e mettete in tavola.
Lo Sapevate
FARE QUESTIONI DI LANA CAPRINA. Si dice di chi fa questioni oziose e si accalora su aspetti secondari di un problema, trascurando la sostanza; di chi si ferma con cocciuta pedanteria su particolari marginali e senza valore di un dato argomento. La frase la troviamo in una lettera del poeta latino Orazio, il quale beffeggia persone che perdono tempo a discutere di questioni inutili e vuote. La lana caprina (di capra) è tirata in ballo perché è una lana che nessuno considera, non avendo un valore commerciale. Risulta infatti diffi cile da cardare, e anche volendola filare, dà un fi lo duro, setoloso e pungente che non può avere mercato.
Vedo Prevedo Travedo
I NONNI PREVEDONO: Ogni uomo vincente sulle proprie abitudini rimarrà sempre giovane.
IL SAGGIO DICE: In genere le catene dell’abitudine sono troppo leggere per essere avvertite finché non diventano troppo pesanti per essere spezzate (Samuel Johnson).
L’abitudine è il maggiordomo dell’amore: lo uccide senza destare sospetti (Citazione da Internet).
La felicità è come gli orologi: i meno complicati sono quelli che si guastano di meno (Nicolas de Chamfort).
PROVERBI DAL MONDO: Le cattive abitudini sono più facili da abbandonare oggi che domani (Proverbio yiddish).
Specola
FENOMENI CELESTI: Mercurio torna visibile all’alba nella seconda parte del mese. Venere è nelle migliori condizioni di visibilità. Marte è visibile tutta la notte eccetto le ultime ore prima dell’alba. Giove è ancora visibile per alcuni minuti dopo il crepuscolo. Saturno è visibile nella prima parte della notte e un po’ della seconda, ma sempre meno.
MACCHIE SOLARI: dalla seconda metà del mese nuove macchie si sommeranno a quelle già esistenti.
TEMPESTE MAGNETICHE: poche e di scarso interesse.
GIORNATE FAVOREVOLI: periodo positivo per le attività umane e l’agricoltura.
Contattaci
Edizioni Frate Indovino
Via Marco Polo, 1 bis
06125 Perugia - ITALY
  Numero unico Servizio Clienti
(+39) 075 5069369
CHIUSO:
il venerdì pomeriggio,
il sabato e i giorni festivi
info@frateindovino.eu    Fax (+39) 075 5051533 
 
© 2011 Edizioni Frate Indovino - pi 00478700545