Il pensiero spirituale
La Fede è il vento che spinge la barca della nostra speranza verso un approdo sicuro. Per questo la nostra speranza è...
leggi tutto
Genitori al lavoro, nonni in servizio
I genitori di Laura hanno imparato presto a fare i nonni, perché la loro fi glia li chiama spesso in aiuto, tanto che suo marito la rimbrotta di frequente: “Vacci piano, Laura, non sono mica a nostro esclusivo servizio questi nonni!”. Ma lei trova che essi sono insostituibili. Primo, perché hanno una risorsa rara e preziosissima, il tempo: dimenticare l’orologio e donare il tempo è il regalo più prezioso che si possa fare ai nostri piccoli. “Quando voglio giocare, devo chiamare il nonno e la nonna, perché papà e mamma non hanno mai tempo. Loro invece mi ascoltano e mi fanno finire di spiegare come dobbiamo giocare” (Giusy, 7 anni). Poi esiste come un richiamo silenzioso, un’attrazione innata tra nonni e nipotini, che si concretizza immediatamente in una reciprocità affettiva che va ad integrare l’amore naturale tra genitori e fi gli. “Non esiste conquista tanto gratificante quanto ciò che si prova quando un nipotino ti si getta al collo e ti dice: ‘Ti voglio il bene più grande del mondo, nonnina!’ ” (una nonna). La posizione dei nonni è anche una posizione privilegiata per sviluppare questo tipo di rapporti. I nonni, infatti, sono degli educatori, possiamo dire “in seconda”. La responsabilità educativa principale è dei genitori. Questo permette loro di sentire meno la responsabilità, e quindi di essere meno ansiosi, di sdrammatizzare le situazioni; sono più pazienti, più indulgenti, più accomodanti. Certo, l’assenza di argini, di regole non può essere totale. I bambini hanno bisogno di regole. Alcuni limiti importanti, da stabilirsi con i genitori, si devono pur fissare. Non si può concedere tutto per guadagnarsi le grazie dei nipotini. Ma un certo ammorbidimento delle regole con i nonni, un po’ di indulgenza, un po’ di complicità, non possono fare che bene alla formazione del carattere dei bambini e al loro equilibrio psichico.

Nonni e Nipoti
- “Ti voglio tanto bene, nonnina”. - “Quanto?”. - “Tre litri”.
Marzo 2018
  • 1 g
    S. Davide vescovo

    S. Felice III papa - S. Albino vescovo

    Prima di venir la Primavera - Marzo fa il pazzo da mattina a sera
    06.53
    18.02
  • 2 v
    S. Agnese di Boemia badessa francescana

    S. Angela della Croce

    Luna Piena a h. 01.51
    06.51
    18.03
  • 3 s
    S. Tiziano vescovo

    Ss. Marino e Asterio martiri

    Il fi ne è il timone dell’opera
    06.49
    18.04
  • 4 d 3ª Quar. S. CASIMIRO B. Umberto III - S. Appiano
    I buoni avvocati sono cattivi vicini
    06.48
    18.05
  • 5 l
    S. Adriano martire

    S. Lucio papa - B. Geremia da Valacchia francescano

    Meglio un aiuto che cento consigli
    06.46
    18.07
  • 6 m
    S. Coletta Boylet vergine francescana

    S. Marciano vescovo martire

    L’uomo scorda facilmente - ma la donna tiene a mente
    06.44
    18.08
  • 7 m
    Ss. Perpetua e Felicita martiri

    S. Gaudioso vescovo

    La Fede ti offre in Maria il modello più bello che ci sia
    06.42
    18.09
  • 8 g
    S. Giovanni di Dio

    S. Probino vescovo - S. Unfredo vescovo

    L’esempio è fermento - che lievita lento
    06.41
    18.11
  • 9 v
    S. Vitale eremita

    S. Francesca Romana vedova - S. Domenico Savio

    Ultimo Quarto a h. 12.19
    06.39
    18.12
  • 10 s
    Ss. Caio e Alessandro martiri

    S. Vittore martire

    Credi al vantatore - come al mentitore
    06.37
    18.13
  • 11 d 4ª Quar. S. SOFRONIO vescovo S. Costantino re martire
    Persi i denti - fi niti gli ardimenti
    06.35
    18.14
  • 12 l
    S. Luigi Orione sacerdote

    S. Paolo Aureliano vescovo

    Porta stanca - diventa santa
    06.34
    18.16
  • 13 m
    S. Leandro vescovo

    Ss. Macedonio, Patrizia e Modesta martiri

    Benedire è molto - ben fare è tutto
    06.32
    18.17
  • 14 m
    S. Matilde regina

    B. Eva da Cornillon - S. Paolina

    A veste logora - poca fede è prestata
    06.30
    18.18
  • 15 g
    S. Zaccaria papa

    B. Artemide Zatti

    Ognuno ha cura di se stesso e Dio di tutti
    06.28
    18.19
  • 16 v
    S. Eriberto vescovo

    Ss. Ilario vescovo e Taziano martiri - S. Eusebia babessa

    Chi casa vuol fare - dalla donna deve cominciare
    06.26
    18.20
  • 17 s
    S. Patrizio vescovo

    S. Geltrude badessa

    Luna Nuova a h. 14.11
    06.25
    18.22
  • 18 d 5ª Quar. S. FREDIANO vescovo S. Salvatore da Horta francescano
    Donna oziosa - non fu mai virtuosa
    06.23
    18.23
  • 19 l
    S. Giuseppe sposo della Vergine Maria


    Il tuono di S. Giuseppe - richiama indietro l’inverno
    06.21
    18.24
  • 20 m
    S. Cutberto vescovo


    06.19
    18.25
  • 21 m
    S. Benedetta Cambiagio

    S. Nicola di Flüe eremita

    Presto imparato - presto scordato
    06.17
    18.27
  • 22 g
    S. Benvenuto Scotivoli vescovo francescano

    S. Lea vedova

    Senza inganno non si va al mercato
    06.16
    18.28
  • 23 v
    S. Turibio di Mogrovejo vescovo


    Pensa il ladrone, che tutti sian di sua condizione
    06.14
    18.29
  • 24 s
    Ss. Timolao e Compagni martiri

    S. Severo vescovo - S. Caterina vergine

    Primo Quarto a h. 16.35
    07.12
    19.30
  • 25 d DI PASSIONE - LE PALME
    Piccoli e grandi, vicino e lontano cantano «osanna» con le palme in mano
    07.10
    19.31
  • 26 l
    Santo

    S. Eutichio - Ss. Emanuele e Compagni

    Chi al buio compra il panno - non si lagni dell’inganno
    07.06
    19.34
  • 27 m
    Santo

    B. Panacea martire - B. Pellegrino sacerdote francescano

    Chi vuole ben parlare - deve prima ben pensare
    07.06
    19.34
  • 28 m
    Santo

    S. Castore martire - S. Ilarione abate

    Una testa saggia ha la bocca chiusa
    07.04
    19.35
  • 29 g
    SANTO

    Ultima Cena di Gesù

    07.02
    19.37
  • 30 v
    SANTO

    Passione e morte di Gesù

    07.01
    19.38
  • 31 s
    SANTO

    Gesù nel sepolcro

    Luna Piena a h. 14.36
    06.59
    19.39
Coltivatori
Chi va a letto con i cani, si alza con le pulci.
LAVORI DEL MESE. Finite di mettere a dimora viti, olivi e alberi da frutto. Concludete anche la potatura di viti ed alberi da frutto, prima che si schiudano le nuove gemme. Preparate i terreni per le nuove coltivazioni, arando e concimando. Eseguite i trattamenti pre e post fl oreali. Fate gli innesti alla schiusa delle gemme della pianta da innestare.
ORTO. Scarducciate i carciofi . Concimate e date terra alle asparagiaie; piantatene di nuove. Seguite la crescita di agli, cipolle, fave e piselli. Iniziate la semina delle patate, se il clima lo permette. Interrate le piantine di fragole. Semine in ambiente protetto: fagiolini nani precoci; peperoni, melanzane, pomodori; rucola, sedano, basilico, prezzemolo; lattughe di ogni qualità; meloni, zucchine, cetrioli, cocomeri. Semine in terreno aperto: bieta da orto, spinaci, carote, prezzemolo, sedano; ravanelli, agretti, asparagi; indivie e lattughe; agli, cipolle, porri, scalogni, patate.
GIARDINO. Fate talee e margotte. Ultimate la messa a dimora di siepi e arbusti da giardino. Eliminate i fiori appassiti dalle bulbose fi orite. Organizzatevi per portare all’aperto le piante in vaso. Cominciate a sfalciare il tappeto erboso. Seminate all’aperto bocche di leone, salvia splendens, campanelle, zinnie, petunie. Preparate i nuovi vasi di crisantemi.
VIGNA E CANTINA. Ultimate la potatura e la sistemazione degli impianti di sostegno, vangate e concimate. Eseguite gli innesti. Controllate i vasi vinari, rimboccando se necessario. Date aria alla cantina. Provvedete al secondo cambio del vino nuovo. Giorni adatti per i travasi: dal 2 al 17 Marzo
Dal libro delle Stelle
OLTRE LE NUVOLE. I padri dell’astronomia – Claudio Tolomeo (II sec d.C.) è stato un astronomo e geografo greco antico di epoca imperiale. Visse ad Alessandria d’Egitto e fu autore del celebre trattato “Almagesto” dove raccolse la conoscenza astronomica del mondo greco. Sostenne il modello geocentrico secondo cui il Sole ruoterebbe intorno alla Terra. Tale modello rimase di riferimento per tutto il mondo occidentale fi no a che non fu sostituito da quello eliocentrico (già noto all’epoca di Aristarco). Un’altra opera importante è la “Geografi a”, dove per la prima volta Tolomeo utilizzò latitudine e longitudine per identifi care i luoghi sulla superfi cie terrestre.
POSIZIONI PLANETARIE. Il giorno 4 Nettuno sarà alla congiunzione superiore. Il 6 Mercurio entrerà in Ariete ed il 7 vi entrerà pure Venere. Il 15, sempre Mercurio, sarà alla massima elongazione orientale, il 17 Marte entrerà in Capricorno. Alle 17.15 del 20 il Sole, passando in Ariete, darà inizio alla Primavera. Il 31 Venere entrerà in Toro. Giove staziona in Scorpione, Saturno in Capricorno, Urano in Ariete, Nettuno in Pesci.
Donne
NEL CINQUECENTO. A Napoli, la pasta era considerata un lusso tanto che nei periodi di carestia ne era proibita la fabbricazione per non “consumare” il grano destinato al pane. Intorno alla metà del ’600, poi, la città conobbe un periodo di crisi che vide una drastica diminuzione della carne, uno degli alimenti principali della dieta napoletana insieme al cavolo. L’evoluzione delle tecniche di produzione (come l’impastatrice meccanica e il torchio), intanto, fecero abbassare i costi di produzione della pasta e quindi il suo prezzo. Fu così che i napoletani da “mangiafoglie” (riferito alla foglia del cavolo) vennero defi niti “mangiamaccheroni”! Questo termine verrà poi esteso a tutti gli italiani.
Salute
Il desiderio di prendere medicine è forse una grande caratteristica che differenzia l’uomo dagli animali (William Osler).
BARDANA. Contiene oli essenziali, tannini, inulina, polifenoli, mucillaggini, sali minerali ed oligoelementi. Grazie a questi componenti esercita proprietà drenanti, diuretiche, antisettiche, ipoglicemizzanti, coleretiche, antireumatiche. In modo particolare l’efficacia drenante della bardana aiuta l’eliminazione delle tossine prodotte in diverse reazioni metaboliche ed è particolarmente utile per fegato, reni, intestino e pelle. La radice è anche molto ricca di inulina. Già ad inizio secolo XX venivano preparati dei biscotti con polvere di radice, burro, acqua e sale che, somministrati ad individui diabetici, determinavano una riduzione degli zuccheri nel sangue esercitando un sensibile effetto ipoglicemizzante. Dal nostro volume: “Curarsi a Tavola – Ricette facili con erbe offi - cinali”.
Per Tutti
ALLA PORTA DEL PARADISO. Un signore ben attempato, ma non ancora vecchio, morì e si ritrovò all’ingresso del Paradiso. Davanti a lui si intravedeva, tra qualche fi occo di nuvola bianca, una fila lunghissima e all’ingresso un solo portone con un unico impiegato. “Cominciamo bene”, borbottò l’omino. Poi pensò: “Tanto qui non c’è fretta… abbiamo avanti un’eternità!”. E restò sulla fi la. Man mano che procedeva, cominciò a delinearsi sul portone di ingresso, la figura di un vecchio con la barba bianca, con un libro sul quale ogni tanto annotava qualcosa. “Dovrò confessare i miei peccati” pensò. E cominciò a fare uno scrupoloso esame di coscienza per non trovarsi impreparato. Quando fu il suo turno aprì la bocca per fare la sua confessione, ma una voce dolce e pacata lo precedette: “Figliolo, quante persone nella tua vita hai trattato con amore?”.
Pensiero Spirituale
La Fede vede l’invisibile, crede l’incredibile, riceve l’intangibile, accetta l’impossibile, fa a meno dell’indispensabile, contempla l’ineffabile.
Grillo Sparlante
Una civiltà irrequieta e chiassosa non sarà mai una saggia civiltà.
La chiave ben unta di rado si impunta.
Gettare la colpa di qualche misfatto su chi non c’è più, è un sistema facile e sicuro, soprattutto perché i presunti colpevoli godono ormai di irreversibile immunità.
Se tra la semina e la mietitura non metterai le cure adatte, facilmente il raccolto sarà una delusione.
Fidarsi è bene e non fidarsi è meglio, ma fidarsi di tutti è come non fidarsi di nessuno.
Dalla Bisaccia di Frate Indovino
SALSA DI ACCIUGHE E BURRO. - Ingredienti: farina - acciughe - brodo di pesce - burro -
- Procedimento: lavorate a fuoco moderato 100 gr di farina e 100 gr di burro con un cucchiaio di legno rimestando fi no ad ottenere un impasto di colore biondo - unite un bicchiere di brodo di pesce e continuate la cottura fi no ad ottenere una discreta densità - aggiungete 100 gr di burro e sei filetti di acciuga tritati e schiacciati - continuate a rimestare finché la salsa non sia ben amalgamata. - Ottima per pesce in bianco e verdure lesse.
Specola
FENOMENI CELESTI: Mercurio è visibile al tramonto praticamente tutto il mese. Venere è ben visibile la sera. Marte lo si può scorgere nella parte terminale della notte. Giove è visibile in tutta la seconda parte della notte e anche Saturno è sempre meglio visibile nella seconda parte.
MACCHIE SOLARI: per la rotazione dell’Astro tornano a vedersi le macchie avute nel mese precedente.
TEMPESTE MAGNETICHE: soprattutto nella seconda decade del mese.
GIORNATE FAVOREVOLI: possibili riscontri emotivi a carattere nervoso nei soggetti particolarmente predisposti.
Vedo Prevedo Travedo
I NONNI PREVEDONO: La parola “Grazie!” avrà sempre qualcosa di magico: usala e tutti sorrideranno!
IL SAGGIO DICE: Ognuno confronti quanto ha pregato nel momento del bisogno e quanto ha ringraziato quando le sue preghiere sono state esaudite (John Henry Newman).
Beati coloro che possono dare senza ricordare e prendere senza dimenticare (Melvin Schleeds).
PROVERBI DAL MONDO: Chi non ringrazia per poco, non ringrazia per molto (Proverbio estone).
Lo Sapevate
SPIEGARE ALI PIÙ GRANDI DEL NIDO. Si usa in senso figurato nei confronti di persone che pur di umili origini o di condizioni economiche modeste, sono riuscite a raggiungere posizioni di prestigio o di responsabilità elevata nella società. Ma si usa anche in senso ironico e derisorio verso persone che manifestano ambizioni troppo alte per le loro capacità intellettuali, possibilità economiche o condizioni sociali che mai potranno riuscire a raggiungere.
Contattaci
Edizioni Frate Indovino
Via Marco Polo, 1 bis
06125 Perugia - ITALY
  Numero unico Servizio Clienti
(+39) 075 5069369
CHIUSO:
il venerdì pomeriggio,
il sabato e i giorni festivi
info@frateindovino.eu    Fax (+39) 075 5051533 
 
© 2011 Edizioni Frate Indovino - pi 00478700545