Il pensiero spirituale
Continua a credere anche quando la strada si fa oscura. Non dubitare: la sua presenza non verrà mai meno.
leggi tutto
Il nonno sta male
Il nonno di Fabrizio non si è sentito bene e subito il nipote si è recato a fargli visita. Lo ha trovato in poltrona, con il plaid sulle ginocchia e due occhi lucidi e affossati. Fabrizio si è seduto vicino al nonno, gli ha preso la mano tra le sue e hanno parlato a lungo… Soprattutto una domanda gli premeva fare: “Nonno, ma tu non hai paura di morire?”. “Chi si è comportato bene nella vita, non deve aver paura. Se il corpo muore, l’amore non muore mai!”. “Ma perché la vita… ci fa morire?”. “Perché tutte le cose hanno un punto di partenza e un punto di arrivo, figlio mio! Questo punto di arrivo, per noi che abbiamo una visione parziale delle cose, è sentito come una fi ne, il termine di tutto. Ma per chi vede la realtà tutta intera, quasi dall’esterno, la morte è come un passaggio stretto, come una soglia che si apre ad un’altra realtà molto più grande e più bella di quella che si lascia. Pensa al sole: quando il sole da noi tramonta, dall’altra parte della terra, nel meridiano opposto, sorge un nuovo giorno… A proposito, voglio raccontarti una storia. C’era una volta una libellula che aveva deposto le uova in uno stagno. Dalle uova erano uscite altrettante larve che si erano raggruppate in fondo allo stagno, alla base di uno stelo di giunco. Queste ogni tanto si allontanavano per procurarsi da mangiare, ma poi si ritrovavano tutte insieme allo stesso posto. Quando qualcuna cresceva più delle altre, salutava le sorelle, si arrampicava lungo lo stelo di giunco e non si vedeva più. Allora una di esse, molto coraggiosa, disse alle sorelle: “Voglio vedere dove sono andate a finire le nostre compagne, ma state tranquille, tornerò presto”. E cominciò ad arrampicarsi lungo lo stelo di giunco. Appena fuori dall’acqua, distrutta dalla fatica, si distese su una foglia e si addormentò. Quando si risvegliò si trovò in un mondo meraviglioso, con un sole caldo e splendente, i fi ori, gli alberi, le foglie e tanti animali, piccoli e grandi, con i quali fare amicizia… Lei stessa non era più come prima: era cresciuta, aveva dei colori bellissimi e soprattutto le erano spuntate le ali. Provò a spiccare il volo e si librò sulle acque, sui fi ori, negli spazi infiniti… Capì allora che la sua vita ormai era cambiata, che non sarebbe potuta tornare mai più in fondo allo stagno, che il suo universo era ormai quello degli alberi e dei fi ori. E le sue sorelle avrebbero fatto lo stesso identico cammino… Stai tranquillo, figlio mio, non siamo nati per scomparire, ma per amarci e stare insieme senza fi ne! Nostro adattamento da Chiara Frugoni

Nonni e Nipoti
“Ai miei nonni non piacciono le monetine, perché le regalano sempre a me”.
Novembre 2018
  • 1 g SOLENNITÀ DI TUTTI I SANTI
    Per tutti i Santi - mantello e guanti
    06.52
    17.03
  • 2 v
    COMM. DI TUTTI I FEDELI DEFUNTI


    La morte è un passaggio - e ogni giorno accorcia il viaggio
    06.53
    17.02
  • 3 s
    S. Martino de Porres

    S. Silvia - S. Pirmino abate

    Novembre prende - e non rende
    06.55
    17.01
  • 4 d 31ª p.a. S. CARLO BORROMEO vescovo S. Perpetuo vescovo
    Meglio un presente che due futuri
    06.56
    17.00
  • 5 l
    S. Guido M. Conforti vescovo

    B. Maria Carmela vergine martire

    Vanno a pezzi nel cadere - sia la brocca che il bicchiere
    06.57
    16.58
  • 6 m
    S. Leonardo eremita

    B. Cristina di Stommeln vergine

    Tutte le uova, anche di giornata - fi niscono nella identica frittata
    06.59
    16.57
  • 7 m
    S. Ercolano vescovo martire

    S. Prosdocimo vescovo - S. Lazzaro

    Luna Nuova a h. 17.02
    7.00
    16.56
  • 8 g
    S. Goffredo vescovo

    B. Maria Crocifissa badessa francescana

    Vedrai talora strani avvenimenti: un giovane ha cent’anni e un vecchio venti
    07.01
    16.55
  • 9 v
    Dedicazione della Basilica Lateranense


    La natura rifi uta - l’uguaglianza assoluta
    07.03
    16.54
  • 10 s
    S. Leone Magno papa dottore

    S. Andrea Avellino sacerdote

    Adopera ragioni forti con parole dolci
    07.04
    16.52
  • 11 d 32ª p.a. S. MARTINO di Tours vescovo S. Menna martire
    Caldarroste a S. Martino innaffi ate col nuovo vino
    07.05
    16.51
  • 12 l
    S. Giosafat vescovo martire

    Ss. Cristiano e Compagni martiri

    Troppa confi denza toglie riverenza
    07.07
    16.50
  • 13 m
    Ss. Arcadio e Compagni martiri

    S. Omobono - S. Agostina vergine

    Ripetendo io non c’entro - ci si fi nisce dentro
    07.08
    16.49
  • 14 m
    Ss. Nicola Tavelic e Compagni martiri francescani

    S. Siardo abate

    Chi al gioco fa denaro - è fortunato o baro
    07.09
    16.48
  • 15 g
    S. Alberto Magno vescovo dottore

    B. Lucia Broccadelli

    Primo Quarto a h. 15.54
    07.10
    16.47
  • 16 v
    S. Geltrude vergine

    S. Otmaro abate - B. Simeone abate

    Chi mette il tetto prima del fondo - non resta molto in questo mondo
    07.12
    16.45
  • 17 s
    S. Elisabetta d’Ungheria vedova


    Chi non pensa prima, sospira poi
    07.13
    16.45
  • 18 d 33ª p.a. S. FILIPPINA Duchesne vergine S. Oddone abate
    Una pulce non leva il sonno
    07.14
    16.45
  • 19 l
    S. Massimo martire

    S. Eudone abate - B. Eliseo García martire

    La carità fa ricchi e l’avarizia fa poveri
    07.16
    16.44
  • 20 m
    S. Ottavio martire

    S. Edmondo re martire - S. Doro vescovo

    A chi vuol legare il mondo, si rompe la corda
    07.17
    16.43
  • 21 m
    Presentazione Beata Vergine Maria al Tempio

    S. Agapio martire

    Il troppo castigare - fa spesso peggiorare
    07.18
    16.42
  • 22 g
    S. Cecilia vergine martire

    Ss. Filemone e Affia martiri

    07.19
    16.42
  • 23 v
    S. Clemente I papa martire

    S. Colombano abate - S. Lucrezia martire

    Luna Piena a h. 06.39
    07.21
    16.41
  • 24 s
    Ss. Andrea Dung Lac e Compagni martiri

    S. Firmina martire

    Se il corvo scende alla valle - accendi il fuoco e prepara lo scialle
    07.22
    16.40
  • 25 d 34ª p.a. CRISTO RE S. Caterina d’Alessandria vergine martire
    Estate di S. Caterina dura dalla sera alla mattina
    07.23
    16.40
  • 26 l
    S. Bellino vescovo martire

    B. Giacomo Alberione

    Dona come vorresti ricevere - e ricevi come vorresti donare
    07.24
    16.39
  • 27 m
    S. Virgilio vescovo

    S. Laverio martire

    Chi di schiena, chi di petto - tutti abbiam qualche difetto
    07.26
    16.38
  • 28 m
    S. Giacomo della Marca francescano

    S. Papiniano martire

    Molti rigagnoli fanno un gran fi ume
    07.27
    16.38
  • 29 g
    Tutti i Santi Francescani

    S. Saturnino martire

    Torrente gelato - amico non fidato
    07.28
    16.38
  • 30 v
    S. Andrea apostolo

    S. Galgano eremita - S. Taddeo Liu Ruiting martire

    Ultimo Quarto a h. 01.18
    07.29
    16.37
Coltivatori
L’ultimo vestito che ci fanno è senza tasche.
LAVORI DEL MESE. Terminate di interrare i bulbi delle piante a fioritura primaverile. Ultimate anche la messa a dimora delle piante da frutto, piante ornamentali, siepi, arbusti da giardino. Mettete in funzione le strutture di protezione. Controllate i prodotti riposti in magazzino o in cantina. Raccogliete le olive senza anticipare o posticipare troppo, e senza tenere troppo a lungo l’oliva nei recipienti di raccolta (non più di due o tre giorni).
ORTO. Raccogliete i carciofi appena giungono a maturazione, senza lasciarli indurire. Continuate ad imbianchire sedano, finocchi, cardi, indivie e radicchi. Semine in ambiente protetto: valeriana, lattughe, spinaci, rucola, radicchi, cicorie. Semine in terreno aperto: aglio, cipolla, spinaci, piselli, fave.
GIARDINO. Oltre a quanto detto nei “Lavori del Mese”, ricordatevi delle piante in vaso riposte in ambiente protetto: non fate mancare acqua e fertilizzante. Svasate i crisantemi, tagliateli al colletto e interrateli con terra o sabbia per invasarli in primavera. Scuotete dalle piante la neve che ci si potrebbe accumulare, così da schiantare i rami.
VIGNA E CANTINA. Curate le strutture di sostegno. Non abbiate fretta di iniziare la potatura. In cantina seguite il processo di vinifi cazione, sempre pronti ad effettuare le necessarie colmature. Non ritardate il primo cambio del vino, appena terminata l’ebollizione tumultuosa. Giorni adatti per i travasi: dal 1° al 7 e dal 23 al 30 novembre.
Dal libro delle Stelle
OLTRE LE NUVOLE. I padri dell’astronomia – Pierre-Simon Laplace (Normandia, 1749 – Parigi, 1827) è stato un matematico, fi sico e astronomo francese. Fu uno dei principali scienziati del periodo napoleonico, a lui si deve l’approfondimento, basato sull’analisi matematica, degli studi di Newton. Nella sua opera, “Mécanique céleste” (Meccanica celeste), Laplace esponeva l’ipotesi, già enunciata da Kant nel 1755, secondo cui il sistema solare si sarebbe formato dalla condensazione di una nebulosa. Ha contribuito alla teoria della probabilità e fu uno dei primi a postulare l’esistenza dei buchi neri.
POSIZIONI PLANETARIE. Il 6 Mercurio sarà alla massima elongazione orientale. Lo stesso giorno Urano, in moto retrogrado, tornerà in Ariete. L’ 8 Giove entrerà in Sagittario. Il 15 Marte passerà in Pesci. Il 22 il Sole sarà in Sagittario. Il 26 Giove sarà in congiunzione superiore ed il 27 Mercurio in quella inferiore. Restano nelle costellazioni del mese scorso: Saturno, in Capricorno, Nettuno, in Pesci.
Donne
PASTA SFOGLIA. È un impasto a base di farina e burro in parti uguali cui si aggiungono sale acqua. Ha origini antiche e in passato veniva preparata con l’olio invece che con il burro. Per fare una buona pasta sfoglia occorre molta esperienza perché preparazione è di diffi cile esecuzione. Affinché strati risultino friabili e leggeri una volta cotta la pasta, è necessario che l’aria penetri nel giusto modo all’interno dell’impasto durante la sua preparazione. cottura, infatti, l’aria inglobata durante i vari passaggi di lavorazione, scaldandosi, separa gli strati uno dall’altro.
Salute
Se gettassimo in fondo al mare tutte le medicine che utilizziamo, sarebbe tanto meglio per noi e tanto peggio per i pesci (Oliver Wendell Holmes).
FINOCCHIO SELVATICO. Contiene oli essenziali e vari tipi di acidi, con i quali esercita sull’organismo umano proprietà aromatiche, aperitive, digestive, diuretiche, depurative, carminative, antispasmodiche, antinfi ammatorie, emmenagoghe, epatiche e galattogoghe. È molto utile per quanti hanno diffi coltà digestive e per ridurre aerofagia e vomito. Consigliato alle donne che allattano per prevenire le coliche d’aria nei lattanti. È pratica antica bere delle tisane fatte con il finocchietto selvatico per ridurre i gonfi ori addominali da aerofagia o per regolare i processi fermentativi intestinali e diminuire la produzione di gas intestinale. Dal nostro volume: “Curarsi a Tavola – Ricette facili con erbe offi - cinali”.
Per Tutti
CHI SONO I SANTI? Le maestre di una scuola elementare si organizzarono per fare una gita prima delle vacanze di Pasqua. Nella gita era inclusa anche la visita ad una splendida chiesa con delle stupende vetrate dove erano raffi gurati alcuni Santi importanti per quel luogo. Le maestre spiegarono molto bene alla scolaresca chi fossero quei Santi dipinti sulle vetrate, e come diventavano luminosissimi con il passaggio della luce. La spiegazione colpì molto i bambini, tanto che, qualche giorno dopo, durante il catechismo, il parroco chiese ai bambini: “Voi lo sapete chi sono i Santi?”. Allora una bambina che era stata alla gita, alzò velocissima una manina dicendo: “I Santi sono quelli che fanno passare la luce!”. Diffi cile trovare una defi nizione più bella.
Pensiero Spirituale
Continua a credere anche quando la strada si fa oscura. Non dubitare: la sua presenza non verrà mai meno.
Grillo Sparlante
In certe mostre d’avanguardia non bisognerebbe appendere i quadri, ma gli autori.
A vedere certe battaglie in Parlamento non è poi così scontato che i nostri onorevoli siano proprio tanto “onorevoli”.
Che società è quella dove per star più bene si sceglie il minor male?
Sposa bagnata, sposa fortunata… ma la prima fortuna è por tare l’ombrello.
Chi di spada ferisce… si tenga alla larga.
Chi muore tace, e chi vive… fa un SMS.
Dalla Bisaccia di Frate Indovino
SALSA COCKTAIL. - Ingredienti: maionese - ketchup - Worcester - brandy - panna liquida -
- Procedimento: in una terrina mescolate tre cucchiai di ketchup, qualche cucchiaio di maionese, un cucchiaio di salsa Worcester e una spruzzata di brandy - a piacere due cucchiai di panna liquida - amalgamate bene e servite.
Specola
FENOMENI CELESTI: Mercurio è visibile al tramonto nelle prime due decadi del mese. Venere torna a scorgersi all’alba. Marte è visibile ancora per qualche ora dopo il crepuscolo, mentre Giove e Saturno sono sempre più immersi nelle luci crepuscolari.
MACCHIE SOLARI: è prevedibile la formazione di nuove macchie nella fascia equatoriale attorno ai giorni 5, 15 e 25.
TEMPESTE MAGNETICHE: si acuiranno i fenomeni meteorologici.
GIORNATE FAVOREVOLI: si conferma anche per questo mese un periodo positivo.
Vedo Prevedo Travedo
I NONNI PREVEDONO: Più si è insicuri e più si cercherà la fama per dimostrare a sé stessi il proprio valore.
IL SAGGIO DICE: Una radice è un fiore che disprezza la fama (Khalil Gibran).
Nessuno crede più alla fama nel XXI secolo se essa ha meno di 30 milioni di audience! (Millôr Fernandes).
Il lato positivo dell’essere una celebrità è che quando annoi le persone, pensano che sia colpa loro (Henry Kissinger).
Se la poesia non nasce con la stessa naturalezza delle foglie sugli alberi, è meglio che non nasca neppure (John Keats).
PROVERBI DAL MONDO: Chi mal cerca fama, sé stesso diffama (Proverbio toscano).
Lo Sapevate
ESSERE SUL LIBRO NERO. Si dice di chi è inviso, malvisto e detestato da qualcuno, più specificamente da un potente, per cui questi fa di tutto per escluderlo, isolarlo, ostacolarlo in ogni cosa. Il detto si ricollega alla rivoluzione francese, quando si segnavano i nomi delle persone sgradite o sospette al regime su di un registro dalla copertina nera. In seguito il sistema venne adottato dalla polizia, che nelle sue indagini registrava i nomi delle persone sospette di avversare il potere costituito o addirittura di persone responsabili di reati civili e in seguito di reati di ogni genere. Oggi è una locuzione di uso comune.
Contattaci
Edizioni Frate Indovino
Via Marco Polo, 1 bis
06125 Perugia - ITALY
  Numero unico Servizio Clienti
(+39) 075 5069369
CHIUSO:
il venerdì pomeriggio,
il sabato e i giorni festivi
info@frateindovino.eu    Fax (+39) 075 5051533 
 
© 2011 Edizioni Frate Indovino - pi 00478700545